Furti e spaccio, i Carabinieri arrestano tre giovani

Raffica di controlli notturni dei carabinieri nel territorio di Vittoria e di Scoglitti, per contrastare i furti presso abitazioni e aziende. Oltre 20 i militari impegnati, e un tunisino di 29 anni, Hammi Yazidi Saif Eddine, arrestato. Il giovane è stato scoperto proprio mentre stava asportando, all’interno di un cantiere edile in Contrada Anguilla, 5 strutture di ponteggi in ferro, complete di traversine, e altrettante tavole da carpenteria, svariati metri di filo elettrico e attrezzature edili di vario genere.

Il tunisino, una volta bloccato, è stato condotto presso la caserma di via Plebiscito e, al termine delle formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, dott. Andrea Riccio, dinanzi al quale dovrà rispondere di furto aggravato. Tutta la refurtiva, previo riconoscimento, è già stata restituita all’avente diritto. Il suo valore si aggira sui 10.000 euro.  Ora, al vaglio degli investigatori, che stanno proseguendo le indagini, ci sono l’eventuale complicità di altri criminali e il canale di ricettazione di quanto trafugato.

E continuano anche le operazioni antidroga dei Carabinieri della Compagnia di Ragusa, che ieri sera hanno eseguito diverse perquisizioni per la ricerca di sostanze stupefacenti a Santa Croce Camerina e hanno arrestato il libico Mouez Nwali, 22 anni, senza fissa dimora e ben noto ai militari per diversi precedenti penali specifici per spaccio di droga. Il giovane è stato colto in flagranza di reato in quanto aveva appena ceduto ad un ragazzo 1 grammo di hashish. Inoltre, a seguito di perquisizione personale, veniva trovato in possesso di un coltellino intriso di sostanza stupefacente e di € 170 suddivisi in banconote di diverso taglio, provento dello spaccio.

Anche lui è ora sottoposto agli arresti domiciliari a Santa Croce Camerina, su disposizione del PM della Procura di Ragusa, Dott. Riccio.

Infine, i Carabinieri di Scicli hanno arrestato in flagranza di reato un giovane sciclitano, Rosario Tasca, 26 anni, nullafacente, per detenzione ai fini di spaccio di stupefacente dato che aveva appena spacciato circa 5 grammi di hashish. Nella successiva perquisizione domiciliare, il giovane è stato trovato in possesso di circa 20 grammi di hashish in un panetto e di tre grammi di marijuana, tutta già pronta per essere divisa ed immessa nel mercato sciclitano. Associato ai domiciliari, il 26enne è adesso in attesa di giudizio.