Secondo circolo Pd: il 9 marzo l’inaugurazione

3

Nonostante sui comunicati ufficiali, i nomi non siano stati indicati, tuttavia esiste un elenco di coloro i quali sono tra i promotori del secondo circolo del Partito Democratico a Ragusa. Tra questi figurano, Gianni Battaglia, Valentina Spata, Salvatore Terranova, Titta Veninata, Elio Cassarino, Angela Barone, Mimmo Barone, Lina Campo. Nomi autorevoli di ex dirigenti ed ex amministratori del Pd ragusano che hanno deciso di creare un secondo circolo. Al momento vi sono oltre 40 componenti del comitato promotore che pare continui a raccogliere richieste di iscrizione. Non si escluderebbe, intanto, che dopo lo start up iniziale possano confluire in questo secondo circolo anche Tonino Solarino e l’ex consigliere comunale di Ibla, Paolo Ucchino. “Abbiamo inoltre voluto dare da subito l’idea di cambiamento con la presenza di tanti giovani come Luca Amico e Peppe Maggiore (uno dei reggenti dei Giovani Democratici di Ragusa). – ha spiegato Valentina Spata componente del comitato promotore –  E non è escluso che alla guida di questo nuovo circolo del Partito Democratico ragusano ci possa essere proprio un giovane, con il chiaro intento di dare un forte segnale di cambiamento e discontinuità con ciò che è stato il Pd sino ad ora. Il secondo circolo nasce non in contrapposizione al primo, ma per far emergere che noi abbiamo una visione diversa rispetto al modo e ai metodi di far politica del primo. Vogliamo inoltre contribuire, attraverso idee e proposte diversificate, allo sviluppo e alla crescita della nostra città. Intanto per sabato 9 marzo è in programma l’inaugurazione della sede del nuovo circolo del Pd, che sarà ubicato nei locali di Palazzo Cocim. All’inaugurazione saranno presenti dirigenti regionali e nazionali, tra cui anche avrebbe dato la propria disponibilità il segretario regionale Giuseppe Lupo. Ciò – ha proseguito la Spata – a riprova che tale proposta ormai in dirittura di arrivo non è una idea esterna al partito, ma una voce autorevole che ha intenzione di far politica e dir la propria, ma all’esterno dell’attuale circolo del Pd ragusano”.
C’è da capire, adesso, come si pone il partito di Bersani per affrontare le nuove amministrative nel capoluogo. I potenziali alleati con chi dovranno dialogare, o meglio con quale anima del Pd dovranno confrontarsi?
“Noi crediamo – ha spiegato la Spata – che bisogna dialogare con il centro sinistra non escludendo una intesa anche con l’Udc. Ovviamente prioritaria è l’intesa sul programma. Detto ciò riteniamo che, diversamente da ciò che avverrà su scala nazionale, il 24 marzo a Ragusa non si potranno celebrare le primarie se prima non troviamo una intesa sulle alleanze e, nel caso in cui, ci saranno più candidati a sindaco, la data delle primarie di coalizione per la scelta del candidato unico la decidiamo tutti insieme. Non escludiamo, infine, di proporre all’attuale circolo del Pd di istituire una delegazione trattante, composta da entrambe le anime del partito, che possa incontrare e confrontarsi con potenziali alleati, garantendo una par conditio di alto livello politico e programmatico”.