Arrestata la badante di un anziano che lo ha fatto innamorare per prosciugargli il conto

15

Erano bastate poco meno di tre settimane ad una avvenente 55enne comisana per far innamorare un anziano sciclitano di 72 anni che l’aveva anche chiesta in moglie. Peccato che la donna fosse più interessata al suo conto in banca che ai suoi sentimenti. La vicenda è accaduta a Scicli ed è stata scoperta dai carabinieri della locale stazione che, grazie alla collaborazione di un impiegato di banca, sono riusciti a bloccare Laura Boscarino, questo il nome della “fidanzata” per convenienza. Nei primi giorni di settembre l’arrestata è stata assunta come badante dall’arzillo 72enne, vedovo da qualche anno. Dopo qualche giorno il suo cuore già batteva per la comisana che intuiva subito le potenzialità economiche della relazione. Sin da subito cominciavano le richieste di denaro, di regalini, finanche dell’intestazione a suo favore della casa dove abitava l’uomo. Il quale dal canto suo, come soggiogato dal canto delle sirene, acconsentiva ad ogni sua richiesta e addirittura le proponeva anche di diventare sua moglie. L’ultima richiesta però ha fatto vacillare anche l’innamorato anziano. Avrebbe dovuto ritirare tutti i suoi risparmi di una vita per consegnarli alla sua dolce metà. Ai tentennamenti dell’anziano la donna, già conosciuta alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, aveva cambiato strategia. Non più coccole e carezze ma schiaffi e maltrattamenti con tanto di minacce. Allora il povero anziano si reca in banca a prelevare dal suo conto i 40 mila euro. L’impiegato dell’istituto di credito, capendo lo stato di disagio del cliente nel ritirare i suoi risparmi si rifiuta di consegnare il denaro e avverte i carabinieri. I militari dell’arma ascoltano l’anziano che gli racconta la storia. A questo punto scatta la trappola nella quale la falsa innamorata cade in pieno. L’uomo le comunica che si sarebbe potuta recare tranquillamente in banca a prelevare il contante. Una volta preso il denaro viene però arrestata dai carabinieri che l’aspettavano fuori dalla banca. Adesso si trova rinchiusa nel carcere di Catania con l’accusa di estorsione. Il povero anziano ha perso l’amore ma almeno ha salvato il portafogli.