Prima riunione dell’anno per l’associazione Donne a Sud

1

Prima riunione dell’anno per il direttivo dell’associazione Donne a Sud.

L’incontro è servito per approvare il bilancio consuntivo del 2013 e quello preventivo del 2014, per fare il punto sulle tante iniziative in programma in occasione dell’8 marzo e, più in generale, per l’anno appena iniziato e per avviare la nuova campagna di tesseramento.

“Ripartiamo con lo stesso slancio e la stessa voglia di fare dell’anno scorso che tanto ci ha dato in termini di crescita e riconoscimenti” ha dichiarato la Presidente Sabrina Mercante.

“Di lavoro da fare a tutela delle donne ce n’è davvero tantissimo ma le sfide non ci spaventano. Siamo sempre più aperte all’ascolto e alla collaborazione con le forze dell’ordine e i presidi sanitari i cui operatori, molto spesso, sono i primi a relazionarsi con le vittime di violenza fisica. Per questo il 30 e 31 gennaio, il 6 e 7 febbraio e il 6 marzo si terrà, all’Ospedale Guzzardi di Vittoria, un corso che ci vede in prima fila in qualità di relatori e formatori destinato a 80 medici e infermieri dei reparti di medicina, pronto soccorso e ostetricia e ginecologia”.

“Il corso di formazione – continua la Presidente Mercante – è stato organizzato nell’ambito del protocollo sottoscritto con l’ASP di Ragusa, sarà valido ai fini del riconoscimento di 16 crediti nell’ambito del programma ECM e vedrà tra i relatori il PM Monica Monego, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Ragusa; la psicologa e psicoterapeuta Sonia Di Caro, Marcello Ribera, già Sostituto Commissario della Squadra Mobile di Ragusa e il legale di riferimento del nostro centro antiviolenza, l’avvocato Rossana Caudullo. Nel corso dei 5 incontri verranno approfondite, tra le altre, le tematiche relative all’avvio del codice rosa, alle cure specifiche da prestare alle donne vittime di violenza e alla loro accoglienza. Come associazione, inoltre, proprio in queste settimane abbiamo fatto ripartire il progetto Io non ci sto, giunto ormai alla fase conclusiva negli istituti scolastici cittadini”.