Dopo Suor Cristina, una vittoriese a The Voice: è Nadia Marino

13
Una chitarra per sentirsi invincibili, una voce per conquistare tutti e quattro gli “I Want You” e un sogno: produrre quanti più dischi possibile, anche solo per se stessa, perché per lei cantare è come respirare.
Dopo il fenomeno Sister-Act un’altra ipparina emoziona i giudici di The Voice of Italy. È la cantautrice vittoriese Nadia Marino che ieri sera, nella penultima puntata dedicata alle Blind Audition, si è aggiudicata il passaggio alla fase delle Battle.
Nadia ha 28 anni, una padronanza della voce, della chitarra e del palco spettacolari e tanta determinazione. Sicuramente, data la sua interpretazione non convenzionale di “Black Horse and The Cherry Three” di KT Tunstall, avrà anche tanto da regalarci sia come interprete che come cantautrice. Per rivederla cantare su Rai 2 ci toccherà però, come stiamo facendo per Suor Cristina, pazientare fino alla prima esibizione nelle Battle, ma intanto possiamo goderci la sua voce, meravigliosa e “infinita”, riguardando la performance di ieri sera o ascoltando sul suo MySpace il brano da lei composto nel 2008, “Living my time”, il cui ricordo, alla fine, le ha fatto scegliere il coach di “Vivere il mio tempo”, il rocker toscano Piero Pelù.
Questa edizione di The Voice si preannuncia interessante per gli iblei e in particolare per il versante ipparino che raddoppia le presenze all’interno del programma con due concorrenti da Pokercoach. Arriveranno alla fase del Live Show? Si sfideranno tra loro? Non ci resta che aspettare.