Bentornata Suor Cristina!

1

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Aex0f0j7EWk#t=29&hd=1[/youtube]

Ieri sera a The Voice of Italy, in onda ogni mercoledì su Rai 2 in prima serata, il fenomeno mondiale Suor Cristina Scuccia e la palermitana Luna Palumbo si sfidano sul ring della prima puntata delle Battles sulle sonorità di “Girls just want to have fun”, brano che ha consacrato Cyndi Lauper come icona pop degli anni ’80. Il risultato è una performance piena di grinta ed energia, definita da Piero Pelù surreale come un film di Buñuel. Tra le due concorrenti J-Ax sceglie Suor Cristina che così accede direttamente alla fase successiva del Knockout.

La voce e la personalità della Palumbo però non rimangono di certo nell’ombra. I coach, infatti, optano per lo Steal e la palermitana, ripescata, si salva entrando così a far parte del team Carrà dove inizierà una nuova avventura.
Il sodalizio tra il diavolo e l’acqua santa, quindi, continua, portando sul palco di The Voice “una dimensione spirituale” come sottolinea Noemi. J-Ax rimane ancora una volta colpito dalla gioia che la 25enne comisana riesce a trasmettere durante le sue esibizioni canore.

Ma cos’è che conferisce a Suor Cristina quel quid che fa la differenza? Sicuramente colpisce il contrasto forte tra l’abito monacale e il modo di cantare e calcare la scena, soprattutto perché non siamo abituati a vedere un personaggio del genere all’interno di un talent.
A questo proposito,  Antonio,  un ex compagno di Suor Cristina alla Star Rose Academy, afferma che: «Cristina non è una suora che canta ma una cantante che si è fatta suora» questo per sottolineare che ancor prima della vocazione Cristina Scuccia aveva un talento innato per il canto, un dono che si è arricchito di spiritualità e gioia durante il suo cammino.
Suor Cristina continua quindi il suo percorso all’interno di The Voice con uno straordinario successo di pubblico che la incorona regina dei click sul web e J-Ax incrementa la sua dose di “doping divino” come lui stesso l’ha definita.

Aspettando la prossima esibizione non ci resta che continuare a seguire The Voice e Suor Cristina Scuccia diventata emblema di questa edizione del talent tanto che i più maliziosi non esitano ad avanzare ipotesi sul fatto che si tratti di una vincente strategia di marketing per aumentare in modo esponenziale gli ascolti del programma.

E comunque poco importa se il risultato è un’esibizione straordinaria come quella di ieri sera che ha letteralmente ribaltato lo studio televisivo del programma e ci ha trasmesso la positività e l’energia delle Orsoline che accompagnavano la loro sorella ballando e cantando in platea. Fantastiche!