“Cu patisci p’amuri un senti duluri”. L’amore declinato nella lingua dei nonni

101

I detti popolari racchiudono sempre grandi verità e lasciano spazio, nella loro semplicità e immediatezza, a spunti di riflessione interessanti e, perché no, per certi versi anche inaspettati.

Il tema che affronteremo da questo punto di vista è l’amore.
Vediamo quindi quali sagge parole “gli antichi” hanno deciso tramandarci sfidando l’oblio del tempo.

L’amuri tutti dicinu ch’è amaru, ma tutti vuonnu vidiri s’è veru (tutti dicono che l’amore è amaro, ma vogliono ugualmente provarlo).

Innamoratevi pure, ma state attenti. Ecco dei moniti che vi mettono in guardia circa le tipologie d’amore  dalle quali è meglio fuggire:

Ama a cu t’ama si vo’ aviri spassu, c’amari a cu nun t’ama è tempu persu (ama chi t’ama se vuoi averne diletto, perché amar chi non t’ama è tempo perso)

Amuri pi ‘ntentu dura quantu u ventu (amore per interesse dura quanto il vento, cioè poco)

Cu si innamura di capiddi e denti, s’innamura di nenti! (Non bisogna innamorarsi soltanto della bellezza fisica di una persona ma bisogna guardare anche la parte interiore)

E a quanto pare anche dalle donne dalle quali è meglio star lontani:

• Cu pigghia biddizzi, pigghia corna (chi si sposa con donne belle è destinato ad aver le corna)

Sarà vero? O è solo il riflesso di uno sguardo di genere punteggiato da un maschilismo imperante e radicato? A voi il giudizio.

Ma continuiamo il nostro excursus e concentriamoci ora sul lato struggente di questo sentimento meravigliosamente complicato:

• Cu patisci p’amuri un senti duluri (chi soffre per amore non sente dolore)

• L’amuri cumincia ccu lu cantu e finisci ccu lu chiantu (l’amore comincia col canto e finisce col pianto)

• Facci nun vista è disiata (viso non visto è desiderato)

• Minn’acchianassi ‘ncielu si putissi, ccu na scalidda di tricentu passi, nun mi nni curu siddu si rumpissi basta ca ti stringissi e ti vasassi (salirei in cielo, se potessi, con una scala di trecento scalini, senza preoccuparmi del fatto che potrebbe rompersi, purchè potessi stringerti e baciarti)

Ma la vita a due, si sa, non è sempre facile da affrontare. Ecco quindi due consigli per cercare di andare d’accordo con la dolce metà:

Nun ci po’ essiri veru amuri unni ognunu vol’essiri patruni (Non ci può esser vero amore ove ognuno vuol comandare)

Ama l’omu tò cu lu viziu sò (Ama il tuo uomo con tutti i suoi difetti)

Eh sì, ci vuole pazienza cari lettori perché come dice sempre la mia dispensatrice di saggezza popolare:

“A nonna, sulu dopu i confetti si virunu tutti i difetti”

Che, se ce lo consentite, si può tradurre con un: “Tanti auguri!”