Legge su Ibla: dove sono i 2,5 milioni? La Regione non ha un soldo e tenta la carta del mutuo

1
Ragusah24-ragusa_ibla

Legge su Ibla: che fine hanno fatto i 2,5 milioni di euro stanziati dalla Regione per il 2015? A Palazzo dell’Aquila circolano solamente ipotesi, tutte fosche.

“Un clima di totale incertezza – ha spiegato il pentastellato Massimo Agosta, presidente della commissione Assetto del territorio – basato sull’impossibilità da parte della Regione di eseguire trasferimenti di parte corrente”.

In parole povere, la sempre più drammatica crisi di liquidità all’Ars sta paralizzando ogni settore siciliano.

“Dello stanziamento – ha aggiunto Agosta – sebbene sulla carta dovrebbe essere certo, tutt’ora nessuna notizia. E qualora da Palermo si muovesse qualcosa, lo si farebbe solamente accendendo un mutuo presso la Cassa depositi e prestiti.

A parte che una simile condizione non si era mai verificata prima, ciò determinerebbe un vero e proprio terremoto. Se il trasferimento annuale – ha continuato il consigliere dei Cinque stelle – dovesse arrivare con queste modalità, e quindi non più come trasferimento corrente, il piano 2015 dovrebbe riguardare solamente investimenti, tagliando di fatto le tante iniziative che la legge promuove, come l’8,5 per cento delle risorse destinato alle agevolazioni per le attività economiche, gli eventi culturali o il funzionamento Commissione centri storici.

E qualora i commissari non intendessero più svolgere il proprio ruolo, perché non più rimborsati, cosa accadrebbe ai tanti progetti in attesa di essere esaminati?”.

Soldi promessi, anzi stanziati con tanto di documentazione, ma ancora non arrivati. Lo stesso vale per l’aeroporto di Comiso: 1,2 milioni di euro.

Arrivano, oggi, domani. State sereni. Ma dove sono?