Domani a San Pietro l’ultimo saluto a Vincenzo Spadaro

15

c14bb358efcd3333ed12f75e7f329adfEra in sella alla suo moto Cagiva 125 rossa fiammante per andare a scuola, il Liceo scientifico Galileo Galilei, dove solo qualche giorno fa aveva avuto concluso il suo percorso di studi con l’esame di stato. 

Un’altra giovane vita spezzata. Il destino lo aspettava fatalmente sulla strada statale Busita Carranzonza dove il terribile scontro con un furgone è costato la vita martedì mattina a Vincenzo Spadaro, 18 enne modicano. Il ragazzo stava percorrendo la strada in direzione di Modica verso l’incrocio per Ispica, quando avrebbe impattato contro il mezzo furgonato che stava svoltando in una traversa laterale, secondo quanto raccontano i testimoni del fatto su quale sono in corso gli accertamenti da parte del Nucleo Operativo Radiomobile dei Carabinieri di Modica, intervenuti immediatamente sul posto.

Il giovane avrebbe colpito violentemente lo spigolo del furgone, facendo poi un volo di decine di metri, mentre il ciclomotore finiva contro un muro di cinta. L’impatto è stato fatale per Vincenzo e i soccorritori del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Nemmeno il casco di protezione, indossato dal giovane, gli ha salvato la vita. A riconoscere il ragazzo sarebbe stato lo stesso carabiniere intervenuto per il soccorso.

Il giovane sarebbe dovuto partire a settembre per Torino per studiare ingegneria. I compagni dell’ultimo anno di Liceo del ragazzo, appresa la notizia, si sono subito precipitati davanti al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Modica dove hanno ricevuto la terribile notizia che ha lasciato spazio solo per lacrime e dolore.

I funerali saranno celebrati domani, alle 10, al Duomo di San Pietro, a Modica.