230mila euro per potenziare i servizi di assistenza, a Comiso

38

L’assessorato regionale della Famiglia ha approvato l’integrazione del Piano di Zona riguardante il Distretto socio-sanitario n. 43 che permette di potenziare importanti servizi di assistenza  e istituirne altri nuovi. Ne danno notizia il sindaco Filippo Spataro e l’assessore Politiche Sociali e della famiglia Vittorio Ragusa.

Nello specifico – ha spiegato l’assessore Ragusal’integrazione che interessa il Comune di Comiso ammonta, nel biennio, complessivamente a oltre 230 mila euro così suddivisi: ai servizi di assistenza e di ascolto per i malati di Alzheimer sono destinati 53.460 euro, al centro di aggregazione per minori 48mila euro, al centro ricreativo e di socializzazione per disabili oltre 129mila euro. Quest’ultimo è un nuovo servizio, gli altri erano già esistenti ma l’integrazione ottenuta consentirà il loro potenziamento”.

Le notizie arrivate da Palermo sono motivo di soddisfazione perchè significa che abbiamo lavorato bene e ottenuto questi ulteriori finanziamenti – ha commentato il sindaco Spataro Merito anche degli uffici e della dirigente ai Servizi sociali del Comune, Tina Guastella, che si sono attivati con competenza e tempestività. Le integrazioni che ci sono state riconosciute permetteranno di offrire all’utenza servizi più rispondenti alle reali esigenze. Inoltre, potranno essere implementate le attività dei centri e degli sportelli. L’aggiungersi del nuovo centro ricreativo e di socializzazione per disabili arricchisce ulteriormente la già vasta gamma di servizi sociali che il Comune eroga mettendo ai primi posti, in Sicilia e non solo, la nostra città in questo fondamentale settore”.