Arrestato l’automobilista che ha ucciso Martina, era fatto di coca e metadone

6058

I carabinieri hanno arrestato il 34enne che era alla guida dell’auto che ha falciato e ucciso Martina Aprile, 25 anni, di Scicli. Il sinistro è avvenuto questa notte a Cava d’Aliga.

L’uomo, che era sotto effetto di cocaina e metadone, è stato arrestato per omicidio stradale.

Ai militari dell’Arma avrebbe detto: “Non l’ho vista”.

Il drammatico incidente è avvenuto intorno all’una di notte in viale della Pace. La giovane stava gettando i rifiuti uscendo dal ristorante in cui lavorava. La Y10 condotta dal 35enne Carmelo Ferraro l’ha travolta non lasciandola scampo.

Ferito in modo lieve il collega che era accanto a lei.

La nota dei carabinieri:

incidente stradale mortale, nel quale ha perso la vita una giovane donna di 24 anni che stava terminando il servizio di cameriera nel vicino ristorante L’ancora di Cava d’Aliga.

La donna intenta a gettare la spazzatura del locale nei bidoni situati nei pressi della strada, è stata travolta da una Lancia Ypsilon che giungeva sulla strada, guidata da un giovane sciclitano dell’85. Dopo essere stata trascinata per alcuni metri insieme al carrello metallico che stava spingendo, è caduta a terra senza vita, ed inutile è risultato l’intervento del soccorso del 118. Nel corso dell’incidente è rimasto ferito lievemente anche l’altro cameriere del locale che stava aiutando la giovane donna, l’uomo di 41 anni, anch’egli sciclitano ha riportato lievi lesioni ed è stato dimesso dal nosocomio modicano.

Al termine della serrata indagine svolta dai Carabinieri, il conducente del veicolo (C.F. classe 1985, cameriere), sottoposto alle analisi ematiche presso l’ospedale di Modica è stato riscontrato positivo all’assunzione di stupefacente del tipo cocaina e metadone. E’ stato tratto in arresto per omicidio stradale aggravato, e tradotto presso la Casa Circondariale di Ragusa, a disposizione del Pubblico Ministero di turno della Procura di Ragusa.