Festa di San Giovanni a Monterosso: fascino ed emozione per i tanti fedeli

162

È andata in archivio, ieri sera, una delle edizioni della festa di San Giovanni Battista, a Monterosso Almo, più originale e più emozionante di sempre.

Nonostante il maltempo ci abbia provato, non è riuscito a fermare la trepidazione di un popolo. E così in mattinata la “Nisciuta” si è consumata come previsto anche se con un’ora e mezzo di ritardo rispetto all’orario canonico delle undici. Ma tutto ciò non ha tolto fascino a un avvenimento speciale che ha visto la partecipazione di tantissimi fedeli e devoti che hanno voluto testimoniare, con la propria presenza, l’affetto e la vicinanza nei confronti del patrono e protettore del centro montano. Spettacolari, poi, i fuochi artificiali tenutisi intorno a mezzanotte e preceduti da un affascinante intrattenimento piromusicale. Insomma, tutto, nonostante i contrattempi dovuti alle avverse condizioni meteo, soprattutto nelle ore mattutine, è riuscito per il meglio nel contesto di una manifestazione religiosa che arriva dritta al cuore dei monterossani i quali, non a caso, hanno partecipato in massa alle fasi clou delle celebrazioni. Ieri in serata con la “Facciata” c’è stato il tradizionale rientro della processione con il simulacro del santo patrono portato a spalla dai fedeli.

Prima della seconda uscita della giornata e della conseguente processione per le vie del paese, c’era stata la celebrazione eucaristica presieduta da don Franco Ottone. La messa solenne della mattina, invece, era stata presieduta dal sacerdote Roberto Asta, vicario generale della diocesi di Ragusa. Estratto, poi, in serata, il numero vincente della lotteria: A0544.

Grande soddisfazione è stata espressa da parte dell’arciprete parroco, don Giuseppe Antoci, e dei componenti del comitato dei festeggiamenti per la piena riuscita delle iniziative inserite nel calendario delle celebrazioni. I ringraziamenti sono stati rivolti in particolare al commendatore Grand’ufficiale Paolo Mirabella, ai fratelli Giampiccolo, all’amministrazione comunale, agli sponsor, ai fedeli che con le loro preghiere e offerte contribuiscono alla riuscita della festa. E, ancora, al comando della Stazione dei carabinieri, al comando vigili urbani, al sindaco del Comune di Giarratana, agli operatori ecologici, al gruppo Rangers d’Europa di Monterosso, al gruppo Protezione Civile Alfa di Chiaramonte, al dirigente dell’area tecnica architetto Sofia Birritta e al personale dell’ufficio Suap del Comune di Monterosso.