Per Venezia il governo ‘corre’, per la Sicilia è assente. Poi la chiamata di Di Maio

3587

Pubblichiamo un post del sindaco di Ispica, Pierenzo Muraglie.

“La pazienza è finita!
Se entro lunedì non arriveranno risposte concrete alle domande poste, avvieremo azioni di protesta per far comprendere che non possiamo essere trattati da italiani di serie b. Il governo romano ha dimenticato la nostra Terra riconoscendo aiuti solo a Venezia ed al nord.
In pochissime ore per Venezia ed il nord si è mobilitato tutto il governo nazionale riconoscendo lo stato di emergenza e conseguenti misure economiche a vantaggio della città veneta: 20 milioni, aiuti per i privati e gli esercenti, sospensione dei mutui.
E per la Sicilia? Niente di niente.
Ispica e la Sicilia orientale sono stati completamente dimenticati. Attendiamo ancora il riconoscimento dello stato di emergenza e segnali precisi in favore di un territorio che è ancora in ginocchio perchè flagellato dall’alluvione. Le nostre aziende agricole, orgoglio di questo lembo di Sicilia, chiedono fiducia e risorse per ripartire.
Un territorio devastato nella viabilità extraurbana necessita di interventi urgenti per garantire sicurezza e serenità.
Non si chiede assistenzialismo ma semplicemente parità di trattamento.
Richiamiamo tutta la deputazione iblea, regionale e nazionale, a fare fino in fondo la propria parte con incisività.
Il nostro territorio ha bisogno di tutti.
Nessuno può stare a guardare in un momento di difficoltà così importante”.

AGGIORNAMENTO

Un’ora dopo lo sfogo pubblico, sono arrivate le telefonate di Musumeci e Di Maio.

Lo rivela il sindaco stesso:

“Ho appena ricevuto due importanti chiamate per ciò che attiene ai danni subiti dalla nostra città a seguito dell’alluvione: il Presidente della Regione On.Nello Musumeci ed il Ministro degli Esteri On.Luigi Di Maio.
Il Presidente Musumeci ha ribadito vicinanza ed impegno.
Il Ministro Di Maio ha assunto l’impegno di portare in seno al Consiglio dei Ministri, sensibilizzando il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri On. Riccardo Fraccaro, il riconoscimento dello stato di emergenza per il nostro territorio.
Il Ministro Di Maio potrebbe recarsi in visita nella nostra città la prossima settimana.
Due importanti chiamate che mettono Ispica al centro dell’agenda del governo regionale e nazionale”.