Coronavirus, Italia ‘sigillata’: estese a tutto il Paese le restrizioni già previste per il Nord

1630

“Tutta Italia sarà zona protetta”. Non più zona rossa, verde o gialla. Tutti gli spostamenti sono vietati se non per comprovate necessità, in tutta Italia come fino a oggi in Lombardia e nelle 14 province. Lo ha annunciato il premier Conte in una conferenza stampa a Palazzo Chigi.

“Tempo non ce n’è. Stiamo avendo una rapida crescita dei contagi.

Le nostre abitudini vanno cambiate ora. Dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell’Italia. Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti ci adatteremo a queste norme più stringenti.

Abbiamo adottato misure ancora più forti per riuscire a contenere l’avanzata Coronavirus.

Io resto a casa: non più una zona rossa, ci sarà L’Italia zona protetta. Sono da evitare spostamenti a meno che non siano motivati da: comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità o per motivi di salute. Vi sarà anche il divieto assembramenti all’aperto e in locali aperto al pubblico. Comprendiamo voglia di socialità dei giovani, ma non ci possiamo più permettere queste occasioni di divertimento, ma anche di contagio.

In aggiunta: stop a tutte le manifestazioni sportive”.

Scuole chiuse in tutta Italia fino al 3 aprile.

Le norme scatteranno da domattina.