Il comisano Biagio Guastella a Parigi: “Prima gli sfottò, adesso seguono il modello Italia”

3596
Biagio Guastella è un insegnate, nato e cresciuto a Comiso, trasferitosi a Parigi con il marito, 8 anni fa, per completare gli studi in filosofia.
Ci siamo fatti raccontare da lui cosa significa essere un italiano in Francia ai tempi del Coronavirus.
“Siamo al quinto giorno di quarantena, le scelte del governo sono arrivate tardi e fino a domenica tutto era abbastanza confuso. Il governo ha annunciato la chiusura delle scuole  giovedì 12 marzo a partire dal lunedì 16, ma hanno svolto le elezioni amministrative che si sono tenute la domenica 15 (astensione record del 56%). Nel primo giorno di quarantena molta gente per strada e la polizia con difficoltà gestisce la situazione fuori controllo. Ci sono stati degli scontri nei supermercati presi d’assalto. La gente sembra non capire la gravità della situazione. Come potrebbe essere altrimenti? Fino a giovedì, dicevano le istituzioni, si trattava solo di un’influenza e si prendeva in giro la reazione italiana. Poi nell’arco di 24 ore tutto precipita”.
“Da l’île de France, regione parigina (seconda regione più colpita, prima regione di Francia per numero di abitanti) c’è stato la fuga verso altre regioni e la contaminazione è ormai dappertutto fuori controllo. La gente è nel panico e i supermercati continuano a essere presi d’assalto. Sostanzialmente Macron pensava di fare all’inglese salvo rendersi conto che gli ospedali esplodevano e quindi, sono corsi ai ripari maldestramente e precipitosamente: risultato il caos. La scuola continua online ma le piattaforme del ministero non reggono il numero di connessioni per questo gli insegnanti sono costretti a creare indirizzi mail con supporti comuni (gmail, hotmail ecc) e inviano il lavoro per mail. Le famiglie spesso costrette in appartamenti molto piccoli non riescono a tenere i figli in casa e molti giovani sono per le strade. Le cose si annunciano catastrofiche.
“Adesso ovviamente finiti gli sfottò siamo “il modello italiano”.