Covid-19, gli episodi ‘più particolari’ denunciati dalla Guardia di Finanza

1830
Immagine di repertorio

Nella giornata di pasquetta, i militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Vittoria, in località Scoglitti, hanno sanzionato un uomo, proveniente da Gela, che ha pensato di approfittare della giornata soleggiata per dedicarsi al suo hobby preferito, la pesca subacquea. Il soggetto in questione, individuato ancora in mare, una volta uscito dall’acqua ha trovato ad attenderlo una pattuglia del Corpo che non ha potuto fare a meno di contestargli la violazione del divieto di spostamento fuori comune.

Ancora a Vittoria, un uomo è stato invece fermato poco prima della mezzanotte a bordo della propria auto, risultata priva di copertura assicurativa. Nel corso del controllo è stato riscontrato altresì che al conducente era stata da tempo revocata la patente di guida e già altre volte sanzionato per simile condotta. Per tale ragione il 46enne è stato denunciato a piede libero alla locale Procura della Repubblica per la violazione dell’art. 116 del Codice della strada ed il veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo.

Un ulteriore episodio ha visto invece protagonisti due 16enni ispicesi, che, a bordo di uno scooter, nella serata di sabato scorso, non si sono fermati all’alt di una pattuglia di militari della Tenenza di Pozzallo impegnata nei controlli per l’emergenza COVID-19.

I due, sfruttando la maggiore maneggevolezza del mezzo riuscivano momentaneamente a far perdere le proprie tracce, ma grazie alla targa del ciclomotore ed al fatto che uno dei due ragazzi era stato riconosciuto perché già noto ai militari (perché gravato, tra gli altri, da specifici precedenti di polizia in materia di stupefacenti), venivano dopo poco rintracciati grazie alle ricerche immediatamente avviate.

In particolare il conducente del mezzo è stato trovato sul tetto della propria abitazione dove si era nascosto credendo di ritenersi al sicuro. I due ragazzi sono stati entrambi sanzionati per le violazioni al divieto di spostamento, mentre il conducente è stato anche segnalato alla competente Autorità Giudiziaria minorile per i reati di “Oltraggio” e “Resistenza a Pubblico Ufficiale”.