Mucca abbattuta a Ragusa. Cassì prova a chiarire la vicenda

602

Il sindaco di Ragusa prova a chiarire la vicenda della mucca abbattuta.

 

“Ricevuta la relazione della Polizia Municipale e letti i chiarimenti forniti dalla Questura, come promesso e per ciò che mi compete, provo a chiarire la vicenda della mucca abbattuta.

Una pattuglia della Municipale ha notato in via N. Colajanni la presenza del grosso animale che vagava tra marciapiede e carreggiata, creando evidente scompiglio tra gli automobilisti e i pedoni.
Dopo aver attivato il coordinamento della viabilità e ricevuto supporto da Vigili del Fuoco e Polizia di Stato, con il coinvolgimento anche degli addetti del macello che già tentavano di bloccarlo, il bovino è stato indirizzato verso i campi incolti sbarrandogli la strada con le auto di servizio.
La mucca, però, ha superato di slancio i mezzi iniziando a correre verso il centro della città. E’ stato quindi necessario inseguirla sia per tentare, ripetutamente ma infruttuosamente, di bloccarla, sia per allertare automobilisti e pedoni, che ignari del rischio attendevano, in coda sui marciapiedi, in loro turno di ingresso in attività commerciali.
La corsa si è fermata in via Giordano Bruno, strada senza sbocco dove l’animale è stato bloccato creando un nuovo sbarramento con le vetture di servizio, in attesa dell’arrivo del personale veterinario; l’animale imbizzarrito ha tentato di caricare gli agenti e superare, come già avvenuto in via Colajanni, il blocco. Dovendo a quel punto scegliere tra la incolumità dei presenti e la tutela dell’animale del tutto fuori controllo, gli agenti hanno optato per l’abbattimento della mucca, scelta assunta anche col consenso del titolare del macello da dove il bovino era fuggito”.