Vittoria, ennesimo furto di computer alla scuola Portella della Ginestra

72
Immagine tratta dal web

“La Commissione straordinaria condanna fortemente l’ulteriore gesto criminale, sinonimo di una sottocultura pregna di violenza e di nessun rispetto per la Scuola e le Istituzioni” dichiara il Commissario Straordinario Filippo Dispenza.

Ignoti, in pieno pomeriggio, si sono introdotti all’interno della scuola Portella della Ginestra appiccando il fuoco ad una finestra dell’auditorium. Hanno poi scardinato la porta del laboratorio linguistico ed hanno rubato un computer portatile, utilizzato per la formazione degli studenti.

Il tutto è avvenuto mentre gli insegnanti e gli alunni si preparavano a partecipare alla manifestazione #PalermoChiamaItalia, l’iniziativa dedicata alla memoria delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio, organizzata ogni anno dal Ministero dell’Istruzione e dalla Fondazione Falcone.

Non è la prima volta, purtroppo, che la scuola Portella della Ginestra è vittima di questi attacchi. Solo in questo anno scolastico ben 7 volte è stata saccheggiata.

Condanniamo fortemente questo vile gesto. Chi ha messo in atto quest’azione non ha rispetto né verso se stessi e né verso la propria comunità. La scuola è un’istituzione destinata all’educazione e all’istruzione dei giovani di Vittoria ed esprime un insieme di conoscenze, di  valori e  di regole, finalizzate alla formazione dei buoni cittadini e consente la creazione di un’identità culturale fondamentale per l’affermazione di valori necessari per società fondate sul rispetto reciproco, sul rispetto delle leggi e delle regole, sulla ricerca del bene comune.

Ci amareggia dover constatare che qualcuno non conosce l’importanza della scuola come istituzione. Portella della Ginestra, in questo momento particolare, causato dal Covid-19, per permettere ai propri studenti di seguire regolarmente le lezioni da casa, ha consegnato ai propri studenti 250 tablet e pc in comodato d’uso, garantendo pure anche la connettività informatica.

Siamo veramente dispiaciuti per l’atto ignobile che ferisce la serenità di un’intera collettività. Condanniamo senza mezzi termini questo vile comportamento  criminale”. commenta la Commissione Straordinaria.

Sulla vicenda interviene il Ministro Azzolina.

A seguito dell’episodio vandalico verificatosi nella scuola Portella della Ginestra, il Commissario straordinario, Filippo Dispenza, ha avuto una lunga conversazione telefonica con il Ministro della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina.

“Il gesto riprovevole e vile non fermerà la scuola e l’attività svolta dal plesso scolastico – ha dichiarato il Ministro. Certo, risulta singolare come tale atto si sia verificato alla vigilia di importati ricorrenze per la terra di Sicilia come quella del 23 maggio. La risposta dello Stato rimane ferma   e decisa:  nessuno potrà fermare l’attività educativa della scuola”. Ribadendo la sua amarezza al Commissario Dispenza il Ministro ha ribadito: “abbiamo pensato di finanziare  il plesso con  nuovi progetti che potenzieranno anche dal punto di vista infrastrutturale la scuola  allo scopo di contrastare il disagio vissuto nel quartiere dove ha sede il plesso scolastico”. Il Ministro ha manifestato  la sua solidarietà  anche al dirigente scolastico Daniela Mercante.