Consorzio universitario di Ragusa, Cassì: “Sono prevalse le solite logiche”

360

E sull’indicazione di Pinuccio Lavina quale nuovo presidente del Consorzio universitario di Ragusa, notizia diffusa nel pomeriggio di ieri, abbiamo chiesto una riflessione al sindaco di Ragusa Peppe Cassì. Non entrando nel merito della persona, da tutti conosciuta e storico esponente, in provincia, dell’Udc, certamente lasciano un po’ perplessi i metodi adottati nella nomina, non più in quota al Comune di Ragusa, ma prerogativa della Regione.

Ecco la dichiarazione del primo cittadino di Ragusa, comune che è il maggior ‘azionista’ del consorzio stesso: “Il fatto è che la Sicilia ha adottato una nuova disciplina normativa: i consorzi saranno composti solo da 3 membri e tra questi il presidente è di nomina regionale. Un componente lo nomineremo noi e l’altro l’Università. Non spetta più al Comune quindi nominare il presidente. Ciò non toglie che la Regione avrebbe potuto consultarci per la propria nomina, ma non lo ha fatto. Sono prevalse altre logiche, le solite logiche…