Il rapinatore minorenne che si arrampicava sui balconi va in comunità

949
Immagine di repertorio tratta dal web

La Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare del collocamento in comunità, emessa dal Tribunale per i Minorenni di Catania, nei confronti di un minorenne gravemente indiziato di avere commesso una rapina.

Le indagini, svolte dagli investigatori del Commissariato di Vittoria e coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, erano scaturite lo scorso 1 febbraio 2020, quando alle prime ore della mattina, le volanti del Commissariato di Vittoria sono intervenuti in un appartamento del centro cittadino, a seguito della richiesta di aiuto da parte di una donna che era stata aggredita da due soggetti, a scopo di rapina, all’interno della propria abitazione.

La donna ha raccontato di essersi svegliata a causa dei forti rumori provenienti dalla porta ed avendo capito che qualcuno stava cercando di scassinare, si era rifugiata in balcone per chiedere aiuto. Ma improvvisamente i due malfattori, non riuscendo a sfondare la porta, si sono  arrampicati dal balcone sorprendendo la donna e costringendola a consegnare alcuni monili. Acquisite le prime informazioni ed avuta la descrizione dei soggetti, i poliziotti hanno indirizzato le ricerche verso un primo sospettato, un pregiudicato vittoriese di 35 anni, che è stato arrestato poche ore dopo aver commesso il fatto.

A seguito dei successivi approfondimenti investigativi, si è riusciti a individuare anche il secondo complice che, essendo minorenne, era stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria. Ora il Gip ha disposto la misura cautelare.