Il ragusano Andrea Scrofani conquista la Goccia d’Oro per il miele di menta

2214

Grazie alla ‘dolcezza’ del suo lavoro, il ragusano Andrea Scrofani si è confermato, ancora una volta, un’eccellenza italiana.

Per il secondo anno consecutivo, infatti, l’apicoltore ibleo ha guadagnato la Goccia d’Oro nel “Concorso Grandi Mieli d’Italia premio Giulio Piana” e, di conseguenza, la menzione nella Guida Grandi Mieli d’Italia 2020, presentando, così come nel 2019, il miele di menta.

A conferirgli il prestigioso premio, domenica 20 settembre, l’Osservatorio Nazionale del Miele.

È un miele prodotto dai fiori dell’altopiano ibleo. – ci racconta Andrea – È una varietà rara perché è difficile produrre un miele unifloreale di menta. Una variante che lo scorso anno ha sorpreso, grazie al suo gusto inusuale”. 

L’azienda di Andrea, l’Impresa Agricola Ape Nera, è un’attività a conduzione familiare, nata come hobby e poi trasformata nel corso degli anni in un’attività professionale. Un lavoro affascinante e impegnativo perché segue i ritmi d vita delle api.

Il lavoro più impegnativo lo fanno le api – dice con ironia Andrea – io quest’anno però, ho deciso di proporre qualcosa di diverso, il miele di menta confezionato in barattoli di cera, così da dare dei sentori ancora più naturali e avvolgenti al mio miele. Verranno prodotti solo cento vasetti, perché sarà una vera chicca. L’idea del vasetto è nata con La Corte delle Regine di Francesco Varallo, che lo ha brevettato e inserito in un progetto più ampio che si chiama Miele in culla”. 

Sono circa 500 le famiglie di api che Andrea custodisce e grazie alle quali riesce a ottenere un prodotto eccellente, raro e prezioso che custodisce i profumi e le sfumature del territorio ibleo.