Intesa tra Guardia di Finanza e Inps per evitare frodi

368

In attuazione del Protocollo d’intesa, firmato lo scorso 12 marzo 2021 tra la Direzione Regionale INPS e il Comando Regionale della Guardia di Finanza, la Direzione provinciale Inps e il Comando Provinciale delle Fiamme Gialle di Ragusa hanno istituito e reso operativa la cabina di regia provinciale composta, oltre che dal direttore Dott. Vincenzo Floccari e dal Col. Giorgio Salerno, anche da ufficiali del Corpo e funzionari dell’Ufficio INPS ibleo, che avranno il compito di intensificare la sinergia tra i due enti, attraverso uno scambio informativo più sistematico e tempestivo, e pianificare metodologie d’intervento condivise allo scopo di rendere più efficace la rispettiva azione di vigilanza. Il Protocollo d’intesa siglato a marzo ha lo scopo, da un punto di vista preventivo, di accrescere la capacità di individuare e neutralizzare le frodi prima che si produca il danno, intervenendo nella fase dell’indebita richiesta, ovvero interrompendo le erogazioni non spettanti di eventuali provvidenze. Sotto un profilo più strettamente repressivo, invece, l’intesa di pone l’obiettivo di orientare l’azione verso quei soggetti nei cui confronti, analizzando le informazioni rispettivamente disponibili, emergano, da subito, gravi indizi di potenziali illeciti, evitando nel contempo possibili duplicazioni dei controlli. Solo per fare un esempio delle prospettive della collaborazione, questa si concentrerà sulle attività predatorie più diffuse e pervasive sul territorio a danno degli aiuti pubblici contro la disoccupazione e le altre cause di povertà ed esclusione sociale, come il reddito di cittadinanza, la Naspi e le altre forme di sovvenzione a sostegno del lavoro. Inoltre, sarà intensificato il contrasto di altri fenomeni illeciti che alimentano le organizzazioni criminali, come il caporalato, l’intermediazione illecita e il lavoro nero o irregolare. Già in passato la collaborazione tra INPS e Guardia di Finanza, in territorio ibleo, ha portato alla luce gravi fenomeni fraudolenti, come accaduto nell’ambito delle Operazioni “Ingaggio” e “Mercurio”, che hanno condotto alla esecuzione di due ordinanze cautelari nei confronti di altrettante organizzazioni ritenute responsabili di un’ingente truffa ai danni dell’INPS e di favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Nel corso delle operazioni sono stati sottoposti a sequestro beni e risorse economiche per un valore pari ad oltre €. 65.000 nei confronti degli indagati e sono stati bloccati pagamenti da parte dell’Ente Previdenziale per circa €. 470.000 con centinaia di rapporti lavorativi fittizi utilizzati per l’indebita percezione di sovvenzioni e indennità varie in danno dell’INPS.

La cabina di regia sarà quindi chiamata, per l’ambito territoriale di Ragusa, a garantire la piena attuazione dei contenuti del Protocollo d’intesa Regionale, nonché lo sviluppo di ulteriori forme di collaborazione, nell’ottica di assicurare una reazione celere e costantemente aggiornata al mutamento dei fenomeni criminosi o comunque fraudolenti. In questo senso, laddove dovessero emergere nuove metodologie delittuose o venissero messe a punto nuove tecniche di contrasto, compito dell’organo di coordinamento sarà anche quello di assicurare tempestiva informazione a livello regionale, perché possa essere assicurata omogeneità di azione in tutti i territori che presentino caratteristiche analoghe.