Intensificati i controlli interforze anti assembramento nel fine settimana

392
Bando rifiuti, accordo in prefettura

Continuano in provincia i servizi predisposti per verificare il rispetto della normativa vigente in materia di contenimento dell’emergenza sanitaria, disposti attraverso piani interforze provinciali che prevedono l’impiego di pattuglie delle varie Forze di Polizia ed il concorso delle Polizie Locali. Tali servizi sono stati intensificati per la verifica del rispetto delle misure di contrasto al COVID-19 e quella del “Green Pass” in vigore dal 6 agosto e alla luce delle nuove ordinanze regionali che coinvolgono in particolare i comuni di Vittoria e Comiso e le relative frazioni, dichiarati “Zona Arancione dal 28 agosto scorso fino al prossimo 6 settembre.
Nell’ultimo weekend i controlli straordinari, disposti con ordinanza del Questore di Ragusa, in aggiunta a quelli giornalmente garantiti dalle pattuglie delle varie Forze di Polizia, hanno interessato, specie nelle ore tardo pomeridiane e serali e fino alle prime ore di oggi, il capoluogo e i comuni di Vittoria, Modica e Comiso, e le zone rivierasche. Particolare attenzione è stata prestata ai lungomare e alle piazze principali delle zone balneari di Marina di Ragusa, Marina di Modica e Scoglitti, ove si è concentrata la maggior parte dei cittadini della provincia e dei turisti. Sono stati controllati i pubblici esercizi, al fine di assicurare il rispetto delle misure ed allo scopo di prevenire situazioni pregiudizievoli per la salute pubblica.

Complessivamente sono state controllate 707 persone, di cui 126 in possesso di Green Pass; sono stati altresìcontrollati n. 78 esercizi pubblici. A Comiso, sebbene già dichiarata zona arancione a seguito dell’ordinanza contingibile e urgente del Presidente della Regione, n. 86 del 26.8.2021, un’attività di ristorazione risultava aperta con gli avventori che consumavano la cena regolarmente seduti al tavolo. Pertanto oltre alle sanzioni previste sia per l’esercente del locale che per gli avventori, l’attività è stata chiusa con provvedimento dell’Autorità di P.S. per giorni cinque.