L’Università ricorda Claudia. E lo zio le dedica un’affettuosa lettera

941

Il 27 settembre l’Università di Enna ricorderà Claudia Cassibba, la giovane studentessa di Medicina di Comiso morta il 25 agosto scorso in un incidente stradale. Lo farà in una seduta di laurea.

E intanto lo zio, Michele Digiacomo, la ricorda con un’affettuosa lettera:

“Claudia, amoruccio mio,

Ti aspettavo, come sempre, insieme ai tuoi nonnini Raffaele e Tina di ritorno dal tuo viaggio a Napoli, non vedevi l’ora di arrivare per raccontarci della tua vacanza col tuo amato Luca e consegnarci i pensierini che avevi preso per noi … ma quella maledettissima telefonata ha distrutto tutto… Quando ti chiedevo “amore mio quanto mi vuoi bene da 1 a 10?” mi rispondevi, sempre sorridente e con un abbraccio: “11”.

Tutto ruotava intorno a te, la nostra vita era impegnata con l’obiettivo che si potessero realizzare i tuoi sogni, fin da bambina”.

Tanti i ricordi affettuosi: “Ricordo ancora quando sei nata, Claudiuccia Nostra. Eri il nostro gioiello più prezioso, la perla più rara di casa Digiacomo. Nel tempo, hai riempito i nostri cuori con il tuo modo di essere, spensierata e sempre altruista. Stavo scrivendo la mia tesi di laurea quando sei nata e pur di starti vicino studiavo e scrivevo con te accanto che dormivi tranquilla nella culla. Siamo cresciuti insieme, sei stata tutto per me. Con il passare dei mesi e degli anni sei diventata una donna delicata ma fortissima, intelligente e curiosa della vita che affrontavi con determinazione e coraggio. Di rara bellezza interiore”.

Poi la scelta del percorso di studi: “Quando hai deciso di diventare medico abbiamo accolto la notizia come una ulteriore  conferma  della tua capacità d’ amore per il prossimo e di rispetto verso gli altri… Donna bellissima e intelligente: sono certo che saresti diventata un eccellente chirurgo come già sapeva chi ti ha seguito negli studi e sul lavoro.

Oggi, con le lacrime agli occhi e il cuore gonfio di dolore acquisisco la consapevolezza che non ci saranno più i cuoricini che giornalmente mi inviavi sul cellulare ma, allo stesso tempo, sento che tu sei accanto a noi”.