San Giuseppe a Giarratana, da sabato al via la festa

149

Torna una delle feste più attese per i fedeli di Giarratana. E torna in un periodo caratterizzato da quella che viene indicata come la fase finale della pandemia, almeno si spera che sia così. Tutto ciò sebbene, permanendo lo stato di emergenza, non sarà ancora possibile assistere alla processione con il simulacro. Stiamo parlando della festa del patriarca San Giuseppe, patrono della chiesa universale, che, nella Perla degli Iblei, assume una dimensione particolare. Il programma contempla l’avvio dei festeggiamenti per sabato 12 marzo, quando si terrà la tradizionale “Scinnuta”, mentre la festa esterna, seppure senza il corteo processionale, è stata programmata per domenica 20 marzo. Quest’anno, i sacerdoti della chiesa Madre, il parroco, don Mariusz Starczewski, e il vicario, don Francesco Mallemi, hanno scelto una frase di Papa Francesco dell’1° dicembre scorso per dare una cornice alle celebrazioni. “San Giuseppe, tu che hai amato Maria con libertà, e hai scelto di rinunciare al tuo immaginario per fare spazio alla realtà – dice il pontefice – aiuta ognuno di noi a lasciarci sorprendere da Dio e ad accogliere la vita non come un imprevisto da cui difendersi, ma come un mistero che nasconde il segreto della vera gioia. Ottieni a tutti i fidanzati cristiani la gioia e la radicalità, conservando però sempre la consapevolezza che solo la misericordia e il perdono rendono possibile l’amore”.

Tra i supporti quello del Comune di Giarratana, dei vigili urbani, della locale Stazione dei carabinieri oltre che di Aia Servizi, azienda di Ragusa che si occupa di progettare il pulito, che quest’anno si adopererà, tra l’altro, per curare la comunicazione esterna. “La festa di San Giuseppe a Giarratana – sottolineano da Aia Servizi – è un momento che segna l’inizio della primavera, il passaggio dalla brutta alla bella stagione. E speriamo che, quest’anno, possa essere un passaggio di duplice valenza considerato che ci confrontiamo ancora con il momento pandemico, per non parlare di tutti gli altri gravi problemi internazionali di cui sappiamo. San Giuseppe è una festa che affonda le radici nell’identità più genuina della comunità giarratanese e, per questo motivo, merita di essere sostenuta”.