Secondo anniversario della scomparsa del direttore Garrone

155

Nella giornata di oggi, Lunedì 28 marzo 2022 ricorre il secondo anniversario della scomparsa del rag. Salvatore Garrone, il ’Direttore’ come tutti solevano chiamarlo. È andato via nella solitudine e nel silenzio assordante del primo durissimo lockdown imposto in Italia dal diffondersi iniziale della pandemia, quando tutte le consuetudini lavorative e sociali hanno subito uno stravolgimento ancora oggi difficile da dimenticare.

Se n’è andato in uno scenario surreale fatto di strade deserte, ospedali blindati, chiese chiuse e cerimonie sociali e religiose vietate. Un epilogo difficilmente prevedibile per un uomo che ha profuso energia propositiva e partecipazione in tutti gli aspetti della sua vita personale, professionale, sociale e di comunità.

Da funzionario a direttore di diverse agenzie della provincia di Ragusa, ispettore provinciale e, per finire, Responsabile dell’Area territoriale della Sicilcassa di Ragusa e Direttore Generale della BCC Contea di Modica, il direttore Garrone ha vissuto il suo impegno professionale come servizio alla collettività, alle famiglie e alle imprese. Una dedizione basata su valori e principi che sapevano coniugare l’empatia nei confronti delle esigenze dei vari interlocutori alla serietà professionale basata su valori solidi quali l’onestà, il rispetto delle regole e delle persone, il rigore, l’impegno, la solidarietà. A distanza di due anni dalla scomparsa, le testimonianze di affetto e di stima di chi ha avuto l’occasione di conoscere il direttore Garrone, continuano ad attestare concordemente la figura di persona retta, professionalmente competente e responsabile, disponibile e generosa, capace di autentica e sincera amicizia, coraggiosa e ottimista. Nel ricordo della famiglia, degli amici, dei colleghi e dei collaboratori rimane vivo l’esempio di un uomo sempre pronto ad aiutare chi avesse bisogno e lo coinvolgesse in qualche modo nelle sue difficoltà; di credente praticante, che ha imperniato la sua esistenza ai principi e doveri di solidarietà, rigore etico e professionale, impegno familiare e sociale; della straordinaria forza d’animo con cui  ha saputo affrontare con costante dignità e incrollabile fiducia nella possibilità di guarigione e recupero anche gli ultimi giorni della sua malattia.