S. Giorgio riabbraccia i fedeli, grande festa ieri a Ibla per la prima processione

245

Un entusiasmo straordinario, un’emozione travolgente, una carica senza paragoni. Questa volta potrebbe sembrare inutile raccontare. Occorreva esserci in mezzo per respirare l’aria effervescente di qualcosa che era mancato e che finalmente (l’ultima processione si era tenuta nel maggio 2019) dopo tre anni è tornata ad essere animata dai fedeli e dai devoti. Ieri sera, all’uscita dal Duomo, grande emozione per tutti: dal clero ai portatori, oltre, ovviamente, alle moltissime persone che hanno assistito. San Giorgio, il glorioso patrono di Ragusa, è ritornato in mezzo al popolo. E non poteva mancare l’Arca santa che ha seguito il percorso della processione sino all’interno della chiesa delle Anime sante del Purgatorio dove, con notevole sforzo ma con tanta gioia nel corpo e nella mente, i simulacri sono stati fatti salire attraverso la ripida scalinata. E, poi, ancora la prosecuzione del percorso solo da parte della statua del santo cavaliere sino ad arrivare alla chiesa di San Tommaso dove il corteo, guidato dal parroco, il sacerdote Pietro Floridia, si è concluso. Naturalmente, a fare da cornice, l’esclamazione “Truonu viva” da parte di tutti i portatori e non solo. Oggi, dunque, la seconda processione prenderà il via, alle 19, da San Tommaso e poi sarà prelevata l’Arca santa dal Purgatorio per fare ritorno insieme al Duomo. Domani, intanto, giornata dell’Ascensione del Signore Gesù cristo, è il grande momento della festa esterna. Alle 10,30 e alle 12 la santa messa nel Duomo. Alle 17,15 la recita del Rosario. Alle 18,30, ci sarà la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Giuseppe La Placa, e animata dalla Schola cantorum parrocchiale diretta da Salvatore Tribastone, con all’organo il maestro Luca Occhipinti. Parteciperanno le autorità civili e militari cittadine e provinciali. Alle 19,30, al via la solenne processione con il simulacro di San Giorgio e l’Arca santa per le seguenti vie: piazza Duomo, via Conte Cabrera, Largo Camerina, via Orfanotrofio, via delle suore, via Tenente La Rocca, via Giardini, piazza G.B. Odierna, corso XXV aprile, piazza Pola, corso XXV aprile, piazza Duomo, via Duomo, via Capitano Bocchieri, via Ten. Distefano, via XI febbraio, via del Mercato, piazza Repubblica, chiesa Anime sante del Purgatorio. Qui si celebreranno solennemente i Vespri. Poi la processione proseguirà per piazza Repubblica, via del Mercato, via Orfanotrofio, piazza Pola, corso XXV aprile, piazza Duomo e rientro al Duomo. Alle 9 e a mezzogiorno, domani, ci sarà il festoso suono delle campane e lo sparo di colpi a cannone. Alle 10, in piazza Duomo, l’arrivo della manifestazione “Moto storiche nel barocco ibleo”. Alle 10,30, l’esibizione del corpo bandistico “San Giorgio – Città di Ragusa per le vie del centro storico. Alle 17 l’esibizione dei corpi bandistici San Giorgio – Città di Ragusa” diretto dal maestro Antonio Palermo e “Banda musicale Kasmeneo” di Comiso diretta dal maestro Ida Logatto e dal maestro Flavio Salonia. Intorno alle 23, prima del rientro al Duomo, gran finale artistico e fantasmagorico con lo spettacolare mapping 3D eseguito da Momap studio di Chema Siscar da Valencia e con la spettacolare esibizione piromusicale curata dalla pluripremiata ditta F.lli Vaccalluzzo da Belpasso.