Strade che si allagano. La richiesta di Iurato: “Il Comune intervenga subito”

157

“Ieri sera, in Consiglio comunale, ho chiesto al sindaco e all’assessore ai Lavori pubblici di intervenire urgentemente su due questioni di viabilità che fanno registrare altrettanti reali pericoli per l’incolumità delle persone”. E’ quanto rileva il consigliere comunale di Ragusa Prossima, Gianni Iurato, che spiega: “La prima questione riguarda la mancanza di una efficace illuminazione e delle strisce pedonali di attraversamento/accesso sulla nuova pista ciclabile sul tratto che dalle giostre di Marina va verso Maulli. Infatti, chiunque dai piccoli insediamenti urbani della zona, si vuole immettere sulla pista ciclabile in sicurezza è letteralmente impossibilitato nel farlo proprio con riferimento a quel tratto di strada ad altissima intensità di traffico, strada molto pericolosa dove in passato ci sono stati incidenti anche mortali. La seconda criticità riguarda la stradina di accesso laterale al Centro commerciale ibleo all’altezza di Decathlon, parallela alla statale 115 in direzione Comiso, che, quando si verificano forti temporali, si allaga completamente per circa 400 metri. In alcuni punti, l’acqua raggiunge anche un metro di altezza. Il fenomeno è molto pericoloso per gli automobilisti che si trovano bloccati dentro le loro macchine allagate e piene d’acqua. La causa è probabilmente riconducibile ad una assenza di condotta di raccolta acque bianche. Ci riferiamo a una probabile mancanza progettuale in quel tratto di strada. Questa è una delle molte criticità che si verificano quando nascono zone “spontaneamente edificate” ma senza una corretta e preventiva opera di urbanizzazione. Gli eventi meteorologici, non trovando in terra idonee vie di sfogo a causa della spregiudicatezza dell’uomo, possono causare morte e terrore tra le comunità”. A supporto di quanto comunicato al sindaco e all’assessore, il consigliere ha fornito un video che riprende le fasi di un acquazzone e delle sue conseguenze verificatesi in quest’ultimo mese.