Rischio idraulico urbano: avviati i lavori alla Vallata Santa Domenica

168

Avviato l’ “Intervento per l’eliminazione del rischio idraulico urbano mediante la realizzazione di una nuova condotta per il potenziamento del sistema di smaltimento delle acque bianche nella Vallata Santa Domenica” aggiudicati alla impresa esecutrice Criscenzo Costruzioni srl per un importo contrattuale pari a 492.842,25€.

“Un altro cantiere in città. Nella Vallata Santa Domenica – afferma il sindaco Peppe Cassì – sono cominciati i lavori per la realizzazione di opere di contrasto al rischio idrogeologico. L’intervento, che prevede l’installazione di una condotta di grossa portata per la canalizzazione di acque bianche, ha preso avvio nella parte più bassa dell’area sottostante via Natalelli, per poi risalire fino a congiungersi con via Palermo, sanando al contempo eventuali perdite emergenti durante la fase di scavo.
La condotta servirà a convogliare in modo sicuro l’acqua proveniente da via Palermo e dalla nuova tubatura in corso di realizzazione in via Carducci.
L’obiettivo è sempre quello di convogliare al meglio e in sicurezza i flussi d’acqua, evitando così infiltrazioni nel sottosuolo e prevenendo gli allagamenti conseguenti alle sempre più frequenti bombe d’acqua.
I lavori per il completamento dei percorsi in vallata e la realizzazione di nuovi orti urbani procederanno parallelamente.”

“L’intervento nella Vallata rientra tra i cinque, tutti già aggiudicati e in alcuni casi già avviati – prosegue l’assessore ai Lavori Pubblici, Gianni Giuffrida – funzionali al contrasto al rischio idrogeologico e finanziati dal Ministero dell’Interno per un milione di euro circa ciascuno. Di questi lavori fanno parte anche i due interventi necessari a scongiurare i cronici allagamenti della parte bassa di via Archimede, il miglioramento della stabilità delle latomie di Cava Gonfalone ed i lavori attualmente in corso in via Carducci che procedono speditamente. Per sfruttare al massimo il periodo estivo e ridurre i disagi, infatti, il cantiere è rimasto attivo fino al tardo pomeriggio, anche al sabato e con un grande impiego di uomini e mezzi.”