Visite (gratuite) guidate nei luoghi di Hodierna

299

Il CISA (Centro Ibleo Studi Astronomici) “Pleiades” in collaborazione con il Comune di Ragusa organizza per sabato 24 settembre una serata dedicata allo scienziato ragusano G. B. Hodierna (1597-1660), l’evento si articolerà in due parti.

Parte prima: dalle ore 18:50 partirà da piazza della Repubblica (corso Don Minzoni) una passeggiata guidata attraverso i luoghi di Ibla in cui è vissuto ed ha svolto le sue attività di ricerca l’Hodierna prima di trasferirsi a Palma di Montechiaro, la passeggiata avrà una durata di circa un’ora e mezza; durante la visita saranno illustrati alcuni aspetti della sua ricerca in campo astronomico legati ai luoghi visitati e saranno letti alcuni dei brani tra i più significativi scritti a riguardo dallo stesso Hodierna.
La partecipazione è gratuita, è richiesta la prenotazione da effettuarsi a scelta tramite uno dei link sottoriportati, fino al raggiungimento del numero massimo, sono previsti tre turni con i seguenti orari:

1° gruppo, inizio ore 18:50 (link prenotazioni: shorturl.at/fLMP7 )
2° gruppo, inizio ore 19:20 (link prenotazioni: shorturl.at/bhpY6 )
3° gruppo, inizio ore 19:50 (link prenotazioni: shorturl.at/eqV08 )

Parte seconda: dalle 21 presso i Giardini iblei sarà possibile osservare dal vivo tramite i telescopi messi a disposizione dal CISA i pianeti e gli oggetti del cielo studiati da Hodierna, tra i quali i “giganti del cielo” Giove e Saturno, la partecipazione a questa attività è libera e gratuita ed è accessibile anche a chi non ha partecipato alla prima parte dell’evento, non è richiesta la prenotazione.

“Ma ascoltate uomini e tanto più gli illustri, e voi che indagate le cause nascoste delle cose, ammiriamo un prodigio: proprio il corpo stesso di Saturno, meraviglioso per la sua immensità, è deformatissimo, poiché non gode della medesima rotondità degli altri pianeti, ma riproduce la forma stranissima di un uovo ed è cinto da immense macchie. Orbene anche il globo di Giove, pur nella sua rotondità, appare circondato da molte bande, come incavi opachi”.
(Hodierna, Caeli Thaumantia, 1659)