Priolo, arrestato il sindaco Pippo Gianni

808

Il sindaco di Priolo, Pippo Gianni, è stato arrestato dagli agenti di polizia di Siracusa con l’accusa di concussione. Il primo cittadino, 77 anni, è coinvolto in un’inchiesta coordinata dai magistrati della procura aretusea, “per una serie di concussioni”, fanno sapere dal palazzo di giustizia. Gianni, come disposto dall’autorità giudiziaria, è agli arresti domiciliari.

Gianni, deputato regionale dagli anni Novanta, prima con la Democrazia cristiana, poi con il Cdu e infine con l’Udc, è stato assessore regionale all’Industria nel governo di Raffaele Lombardo e per una legislatura anche deputato alla Camera. Dopo aver mancato la rielezione nel 2012 e nel 2017, era tornato sindaco della sua città, Priolo Gargallo, nel 2018, dopo esserlo stato già negli anni Ottanta e Novanta. Alla fine di agosto, poco prima delle elezioni regionali, aveva aderito alla Lega.