La comunità islamica a Ragusa festeggia la fine del Ramadhan

166

Sabato scorso, presso il Centro Servizi Culturali “Emanuele Schembari” di via Armando Diaz, si è svolta la Festa di fine Ramadhan organizzata dall’Associazione Culturale Multietnica Uniti Senza Frontiere di Ragusa. Nell’iniziativa è stata coinvolta l’Amministrazione Comunale che ha voluto essere presente con l’assessora alle Politiche per l’inclusione, Servizi Sociali e Pari opportunità, Elvira Adamo, e l’assessora alla Pubblica Istruzione, Scuole ed Edilizia scolastica, Catia Pasta,

È la prima volta che la comunità si apre alle istituzioni e le due esponenti dell’Amministrazione ritengono che questo sia l’inizio di una collaborazione importante.

Alla manifestazione erano presente l’Imam di Catania e presidente della Comunità Islamica di Sicilia Abdel Hafidh Kheit e l’Imam di Ragusa Mustapha Hezzahraouy, oltre ai rappresentanti del Centro Culturale Islamico Assalem di Ragusa.

Gli organizzatori hanno tenuto a sottolineare che l’evento era aperto a tutta la cittadinanza.

Alla fine della “grande, riuscita ed emozionante cena “Iftar collettivo di Ramadan 2024 di Ragusa!” la presidente dell’associazione Uniti Senza Frontiere di Ragusa, Fethia Bouhajeb, ha voluto ringraziare “il sindaco di Ragusa Peppe Cassì per la calorosa ospitalità, l’assessora Elvira Adamo, l’assessora Catia Pasta, e il Dott. Abdel Hafidh Kheit, per la loro presenza e condivisione di pillole di saggezza islamica di grande valore pacifico”.

Infine, un “grazie di cuore” è andato a “Giacomo Schembari del Centro Servizi Culturale di Ragusa, al Console della Repubblica Tunisina di Palermo, per il sostegno morale e per l’incoraggiamento offerto, e allo staff organizzativo e amministrativo di Uniti Senza Frontiere di Ragusa!”

La comunità islamica a Ragusa, da parte sua ha inteso ringraziare “tutte le persone e le associazioni che hanno contribuito alla realizzazione di questo meraviglioso evento storico e naturalmente lo staff di spicco della cucina araba per tutti gli sforzi profusi