Asp e Consulta femminile insieme per la salute delle donne

212

Un incontro stimolante e sinergico quello avvenuto tra la Consulta Femminile del Comune di Ragusa e il Commissario Straordinario dell’ASP di Ragusa, il dr.  Giuseppe Drago. Con la partecipazione della presidente, Gianna Miceli, della vice presidente, Maria Giovanna Bentivoglio, e della consultrice Lina Campo, l’atmosfera era carica di reciproca stima e fiducia.

Questo incontro mette in luce l’importanza di un solido partenariato tra la Consulta Femminile e l’Azienda Sanitaria, e conferma che da parte del Commissario, dr. Drago, c’è la volontà di collaborare, confermando che insieme possiamo realizzare attività e azioni per promuovere la salute delle donne.” ha evidenziato la presidente Gianna Miceli

Si è parlato dell’evento in programma in occasione della Giornata Nazionale della Salute della Donna, prevista per il 22 aprile, che la Consulta, in collaborazione con il Comune, l’ASP e la Rete Civica per la Salute, ha organizzato: “Sana Longevità: Informazione e Consapevolezza sulle Differenze di Genere e le Demenze“, con la presenza del dr. Antonello Giordano in qualità di relatore.

Durante l’incontro, le Consultrici hanno sollevato una serie di questioni cruciali riguardanti la salute delle donne, esprimendo la volontà di collaborare con l’ASP per la realizzazione di appuntamenti focalizzati sulla “salute al femminile”. L’obiettivo è promuovere una corretta informazione sull’importanza della prevenzione, della Medicina di Genere, dei Consultori. Attenzione è stata posta sull’ accessibilità ai servizi sanitari per le donne. L’importanza di implementare programmi educativi sulla salute rivolti specificamente alle donne, che riguardano argomenti come la salute riproduttiva, la prevenzione delle malattie croniche e la salute mentale. Altro argomento cruciale è quello di portare avanti attività di prevenzione di violenza di genere e il sostegno alle vittime, incluso l’accesso a servizi di consulenza e supporto.

Il Commissario Straordinario, dr. Drago ha assicurato che:  “Garantirò  il mio impegno per creare un ambiente sanitario inclusivo, rispettoso e sensibile alle esigenze delle donne, oltre a esprimere gratitudine per il contributo della Consulta Femminile nel promuovere la salute delle donne nella comunità.”

 

La Consulta Femminile di Ragusa e l’ASP si impegnano a continuare questa collaborazione per promuovere politiche e pratiche che migliorino la salute e il benessere delle donne nella comunità.