Siracusa, fermate 2 presunte ladre riprese nel video diventato virale

1110

Era diventato virale su tutte le piattaforme social il video di due donne, riprese da una telecamera di videosorveglianza privata all’interno di un condominio, i

Il video, condiviso ieri di chat in chat, ha destato allarme e forte preoccupazione in tutti i cittadini e, nell’immediatezza dei fatti, la Polizia di Stato ha, fin da subito, attivato le indagini per accertare la veridicità della segnalazione e per individuare il condominio all’interno del quale era stato registrato il video.

Dopo i primi riscontri positivi, è stato attivato già stamattina un piano di controllo. 

Sempre nella mattinata di oggi, anche a seguito della segnalazione di un cittadino che ha notato due donne con caratteristiche simili a quelle protagoniste del video, gli agenti delle Volanti sono intervenuti in via Pasubio e le hanno fermate. Le giovani non hanno opposto alcuna resistenza al controllo e non hanno posto nessuna domanda ai poliziotti sul perché fossero state fermate e condotte negli uffici della Questura per essere sottoposte ai dovuti riscontri ed alle procedure di controllo e di fotosegnalamento.

Le due ragazze, sebbene con ampi abiti floreali e con i capelli sciolti, sono state ugualmente immediatamente riconosciute come le due protagoniste del video. Entrambe residenti in due province del Lazio una, 23 anni, annovera precedenti per armi, per porto d’armi e svariati furti in abitazione commessi in Portogallo, Francia, Belgio ed Austria; l’atra, 20 anni, risulta già destinataria di un foglio di via della provincia limitrofa.

La posizione delle due donne è al momento al vaglio degli investigatori che stanno indagando al fine di individuare responsabilità per eventuali reati commessi in questa provincia, eventuali complici e per trovare i mezzi utilizzati per spostarsi all’interno della città allo scopo di trovare ulteriori spunti investigativi.

Si raccomanda a tutti i cittadini, qualora fossero a conoscenza di altri episodi “sospetti” che vedano protagoniste le due donne, di segnalare i fatti alla Polizia di Stato, così da poter raccogliere quanti più elementi probatori per accertare le loro responsabilità.