Nasce il “Big Bang” dei Comuni montani

0
Dopo l’adesione del Sindaco di Giarratana Bartolo Giaquinta e del Presidente del Consiglio comunale di Monterosso Almo Gaetano Dibenedetto, anche  i due consiglieri comunali di Chiaramonte Gulfi, Dario Cutello e Antonella Occhipinti, e, a titolo personale, anche il segretario cittadino del PD di Chiaramonte Vito Marletta, aderiscono all’Area Renzi provinciale.
Occhipinti, Cutello e Marletta si dicono pronti a dare il proprio contributo politico e culturale al processo di rinnovamento che è ormai partito, non solo a livello nazionale aderendo al vero processo riformista e riformatore di Matteo Renzi e alla sua idea di società e di partito, ma anche al grande vento di cambiamento territoriale che ha visto alle ultime elezioni emergere nuovi fermenti capaci di mettere le basi per una nuova classe dirigente.
“E’ arrivato il momento – affermano i tre Democratici di Chiaramonte- di caricarsi la responsabilità di portare il PD a governare il Paese in uno dei momenti peggiori della storia repubblicana e avere il coraggio di fare scelte decise e innovative per il futuro dell’Italia. E con Matteo Renzi si può. Noi crediamo che bisogna farlo da subito, fin dal prossimo congresso del PD sostenendo la candidatura di Matteo alla guida del partito. Non possiamo lasciarci sfuggire questa occasione storica e siamo pronti a dare il nostro piccolo ma convinto contributo a livello territoriale”
“Siamo soddisfatti – dichiarano i coordinatori provinciali dell’area, Mario D’Asta e Paoletta Susino – del fatto che il nostro percorso di riforma e di rifondazione dal basso dei meccanismi della partecipazione politica, ottenga innanzitutto i consensi di coloro che già sono impegnati nelle sedi istituzionali e che condividono la necessaria priorità del rapporto con la base e con i cittadini”.
Le nuove adesioni hanno fatto sì che sia stato possibile svolgere degli incontri preliminari per la nascita di un’associazione Big Bang per i Comuni dell’area montana della Provincia di Ragusa: “Insieme a loro – dichiarano ancora D’Asta e Susino – ben conoscendo già le difficoltà dei comuni  montani, ci impegniamo a seguire da vicino la questione delle riforme istituzionali che sta portando avanti la Regione siciliana, con particolare riferimento alla nascita dei Consorzi di Comuni, prestando la dovuta attenzione ai territori, alle loro esigenze e alle loro identità. Centrale per il futuro della nostra provincia affrontare l’ ”emergenza spopolamento” di queste zone che vivono una emigrazione preoccupante”.