Il 25 novembre sarà la Giornata contro il Femminicidio

0

Lunedì prossimo, 25 novembre, in occasione della giornata contro la violenza sulle donne, in diversi teatri italiani, verrà  contemporaneamente portato in scena il testo di Francesco Olivieri “Finchè morte non ci separi”, la storia di due donne, Federica Mellori e Ipazia Fiorentini, che vengono ammazzate dai loro rispettivi compagni. È una denuncia contro il femminicidio scritta da un uomo che si è messo nei panni delle vittime. Due donne all’apparenza molte diverse, una che rispecchia tutti i luoghi comuni della donna maltrattata e spesso uccisa, l’altra che elude ogni luogo comune e che nonostante viva una vita agiata e ripiena di affetto finisce come l’altra. Con ironia e allo stesso tempo con toni tragici entrambe narrano da morte la loro condizione fino al momento dell’uccisione. Il messaggio che vuole dare l’autore è che cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia. Un invito alla riflessione e al porsi delle domande serie su come affrontare questo dramma che sempre più spesso si manifesta sul territorio nazionale. In questo progetto nazionale (che tra l’altro vede due rappresentazioni anche in Brasile e Stati Uniti), si inserisce Ragusa dove l’attrice Federica Bisegna insieme alle allieve della compagnia G.o.D.o.T. Jessica Anzalone, Giulia Guastella, Anita Pomario, Maria Grazia Tavano e Gessica Trama, porteranno in scena l’intenso e toccante testo. Con la regia di Vittorio Bonaccorso, la rappresentazione si terrà lunedì 25 novembre al teatro Don Bosco e vede anche la partecipazione del Centro Anti Violenza che aprirà alle ore 20 la serata con la proiezione di un cortometraggio che promuove il numero di pubblica utilità 1522.

Il progetto nasce da un fortunato incontro dell’autore con un’attrice che, sensibile al tema, sposa l’idea di creare una rete di artisti italiani che contemporaneamente si esibiranno nella stessa giornata creando una rete di denuncia amplificata a livello nazionale. Ogni luogo di rappresentazione sarà collegato da una diretta web che permetterà di seguire l’evento in e da ogni città italiana. Il femminicidio è la  forma di violenza più diffusa, senza confini di ambiente, religione, cultura e nazionalità. Sono centinaia le donne che ogni anno vengono uccise ed una donna su tre subisce violenza fisica o sessuale nel corso della propria vita ed è anche per questo che la denuncia non deve e non avrà confini. Il progetto coinvolge istituzioni e associazioni sul territorio nazionale. Artiste e artisti internazionali hanno già confermato la loro adesione come testimonial dell’evento. A dimostrazione di come sia, quella contro il femminicidio, una lotta comune e non di genere.

A Ragusa aderisce all’iniziativa anche la Cisl che, per dire “no” contro ogni forma di violenza sulle donne e sui minori, anche quest’anno indice una mobilitazione nazionale per diffondere la cultura della tutela dei diritti umani e della dignità delle donne, dei minori e di tutta la società. Con una nota la confederazione sindacale recita che: «La violenza sulle donne uccide la nostra dignità. La Cisl di Ragusa e Siracusa e il Coordinamento Donne hanno scelto di partecipare, condividendo insieme all’associazione Nuova Vita Centro Antiviolenza il progetto sposato dalla Compagnia G.o.D.o.T di Ragusa che in occasione della giornata contro la violenza sulle donne, il 25 novembre, porterà in scena il testo di Francesco Olivieri “Finché morte non ci separi” che vede una rete di compagnie teatrali impegnate a portare in scena su tutto il territorio nazionale contemporaneamente uno spettacolo di denuncia contro il femminicidio”.

Per la tappa di Ragusa, info e prenotazioni ai numeri: 339.3234452 – 338.4920769. Ingresso € 5.

 

Interpreti che in contemporanea si esibiranno:

 

Federica Bisegna – Ragusa

Stefania Rosso e Daniela Vassallo – Torino

TeatroInRivolta – Val di Susa

Raffaella Tagliabue – Genova

Patricia Zanco – Vicenza

Sara Alzetta -Trieste

Francesca Botti – Ferrara

Silvia Giorgi – Rimini

Roberta Biagiarelli – Ancona

Monica Scattini accompagnata dalla violoncellista Julia Kent – Teatro Valle Occupato di Roma

Anna Garofalo – Bari

Ilaria Bordenca – Agrigento

Isabella Dilavello e Margherita Sciaretta – Verona

Carmela Savino – Milano

Eleonora Marzari – Venezia 

Micaela Piccinini – Macerata

Italia Carroccio – Palermo

Roberta Torre – Stati Uniti

Anita Mosca – Brasile 

Nadia Kibout – Matera

Maria Loi e Rita Atzeri – Cagliari

 

 

Ufficio Stampa Compagnia G.o.D.o.T.

Carmelo Saccone – MediaLive

 

 

Liberipensatori “Paul Valéry”

Direzione artistica: Oliviero Corbetta 347.9104064

Organizzazione: Daniela Vassallo 349.7808023 – Stefania Rosso 340.2254582

www.liberipensatori.net

[email protected]