Il Modica Calcio ha il suo nuovo presidente: è Pietro Bellia

30

Con un colpo di scena si è risolta positivamente la situazione del Modica Calcio. Pietro Bellia è il nuovo presidente. La firma in uno studio legale di Lentini nel primo pomeriggio di oggi dopo oltre 4 ore di riunione tra la proprietà uscente e quella entrante. Dunque quando tutto sembrava perduto, dopo la rinuncia di domenica scorsa e la lettera spedita da Cundari in Lega che chiedeva l’autoesclusione dal campionato del Modica senza neanche attendere le quattro canoniche rinunce, ecco l’impensabile materializzarsi. Bellia, che già collaborava con la società rossoblù da questa stagione, ha deciso di rompere gli indugi e dopo qualche contatto telefonico con l’uscente Eugenio Abramo, oggi la spedizione decisiva a Lentini. Con lui Sebastiano Failla, nuovo vice presidente, e il commercialista Angelo Basile che ha curato il trapasso contabile. Dall’altra parte Eugenio Abramo, che Cundari aveva nominato presidente Pro Tempore, e lo stesso ex presidente. La trattativa si è protratta per oltre 4 ore, al centro i libri contabili del gruppo uscente che il commercialista del nuovo presidente ha esaminato attentamente. Alla fine è stata trovata la tanto sospirata sintesi che ha permesso la sopravvivenza della squadra ed il ritorno del Modica ai modicani. Adesso le redini della società sono nuovamente in mano di chi è nato nella Contea e di chi ha veramente a cuore le vicende rossoblù. Queste le prime parole da presidente di Pietro Bellia raggiunto telefonicamente sulla via del ritorno: “Sono emozionato, stanco ma felice. Amo le sfide impossibile e questa lo era. Siamo riusciti a salvare un patrimonio dell’intera città, a restituire la squadra a tutti i tifosi modicani quando sembrava persa ogni speranza. Da oggi stesso ci metteremo a lavoro per allestire la squadra che avrà un nuovo esaltante obiettivo, salvare la categoria contro ogni pronostico. Sono convinto che ci riusciremo. Intanto abbiamo evitato la scomparsa e già questo è un grande risultato. Voglio ringraziare pubblicamente l’amministrazione comunale ed in primis il sindaco Abbate per aver collaborato nella buona riuscita di questo salvataggio”. Il primo cittadino aveva telefonato al presidente della Lega Morgana chiedendo di bloccare quella lettera di auto esclusione dal torneo che la vecchia società aveva mandato. Ha trovato inoltre uno sponsor importante che supporterà la nuova dirigenza in questa avventura. Soddisfatto anche Sebastiano Failla: “Vogliamo riavvicinare la città alla squadra. Adotteremo delle politiche societarie che coinvolgano un po’ tutti gli strati della città. L’importante è aver salvato il titolo ed averlo riportato a Modica. Ci spenderemo per far si che il calcio a Modica viva ancora a lungo”. Adesso fatto il Modica bisogna fare i….modicani. Gran parte dei giocatori sono stati svincolati, bisogna fare la conta di chi c’è. Se si raggiungerà il numero domani la squadra sarà presente alla trasferta di Viagrande. Dopo arriveranno i nuovi acquisti.