Arrestate due professioniste dei furti in appartamento

1

Intensificata la presenza di pattuglie e controlli, nell’ambito del dispositivo “Natale sicuro” pianificato dalla polizia di Stato di Ragusa. Grazie a questo intervento, gli agenti della squadra mobile e della sezione volanti hanno arrestato due donne rom ventenni pluripregiudicate, appartenenti al campo nomadi di Catania, per furto in abitazione. Le stesse sono state sorprese ieri mentre uscivano, poco dopo mezzogiorno, da un palazzo in via Pietro Nenni a Ragusa. Gli agenti in borghese hanno monitorato il loro tragitto e poi le hanno fermate. Considerato il nervosismo palesato, è scattata immediatamente la perquisizione.  Le due sono state trovate in possesso di numerosi monili in oro, un grande salvadanaio ed oggetti atti allo scasso (delle parti in plastica modificate proprio per accedere nelle abitazioni che non sono chiuse e chiave). Tra gli oggetti rubati, vi erano diversi preziosi del valore di circa 5.000 euro ed un salvadanaio con 500 euro in monete. Le due hanno commesso il furto certe di non andare in galera in quanto una delle due è in stato di gravidanza e l’altra asseriva di avere solo 13 anni, piuttosto che i 19 poi riscontrati a seguito di tutta l’attività messa in campo dagli inquirenti. “Chiediamo ai cittadini in questo periodo festivo – ha spiegato il dirigente della squadra mobile Antonino Ciavola – di accertarsi di aver chiuso a più mandate le porte di ingresso nelle abitazioni e di chiudere anche le finestre, comprese quelle ubicate ai piani superiori dei palazzi. L’esperienza, anche recente, ci ha insegnato che i malviventi riescono, arrampicandosi nelle grondaie, a salire a parecchi metri di altezza ed entrare nelle abitazioni, facendo razzia dei beni riposti all’interno”.