A Comiso torna il cenone dell’Epifania

11

“Iniziamo il nuovo anno assieme alla città”. Questa la presentazione dell’assessore alle politiche sociali, Vittorio Ragusa, dell’iniziativa prevista per il cinque gennaio 2014.

“Abbiamo voluto riprendere la bella abitudine di organizzare il cenone dell’Epifania – ha spiegato l’assessore – che non era più stato fatto dal 2010. Appena lanciata, l’idea ha trovato moltissimi consensi e tanta collaborazione soprattutto da parte di alcune associazioni di volontariato che, immediatamente, hanno fatto propria l’iniziativa. Il cinque gennaio infatti, presso uno dei più rinomati locali di ristorazione dell’ipparino, saremo assieme per un cenone che vedrà la partecipazione di moltissime persone e non solo anziani. Accanto all’amministrazione che ha patrocinato l’evento, ci sono le associazioni: La vita è bella, il centro di accoglienza e amicizia e il centro diurno per anziani del comune di Comiso. Con questa iniziativa – ha continuato Vittorio Ragusa – abbiamo voluto lanciare un segnale di positività e vicinanza alla gente ed agli anziani, in un momento in cui ce n’è fortemente bisogno. Sono convinto che anche attraverso questi momenti di unità, si possano dare segnali di vicinanza alla città . Personalmente, mi trovo a dialogare con fasce sociali che , innanzitutto, hanno bisogno di attenzione e calore umano. Ascoltarle, coinvolgerle e stare assieme a loro simpaticamente per qualche ora, infondo è la cosa principale che chiedono. Colgo anche questa occasione – ha ribadito Ragusa – per ricordare che la nostra attenzione come amministratori di questa città, non si limita solo all’organizzazione del cenone. Sarebbe poco e sarebbe solo di contorno. Noi , come detto più volte in campagna elettorale, e per quanto ci è consentito fare a causa del dissesto, sin dall’inizio abbiamo destinato una congrua parte dei nostri emolumenti assessoriali, alla beneficenza, contribuendo alle spese che molte associazioni di volontariato devono sostenere, e che molto spesso, hanno sostenuto negli anni, di tasca propria. Inoltre, abbiamo anche presentato dei progetti, già finanziati e in atto, per dare assistenza agli anziani e ai diversamente abili. Altro ancora, naturalmente, è previsto nella nostra azione amministrativa. Per cui – ha concluso l’assessore Ragusa – il mio invito è rivolto a tutti coloro che hanno il piacere di stare assieme e che vogliono contribuire con una somma minima. Gli uffici comunali dei servizi sociali, sono a disposizione per qualunque tipo di informazione e per le adesioni”.