Citytour col trenino, il Comune cerca un partner

20

Un “city tour” su quattro ruote, siano esse quelle di una carrozza, di uno shuttle o di un trenino, ce l’hanno tutte le principali città turistiche, e allora perché non anche Modica? Con quest’idea il Comune ha pubblicato un avviso pubblico alla ricerca di partner interessati ad attivare, in via del tutto sperimentale, un servizio di “trenino turistico” su gomme, sperando di trovare il modo di farlo partire già da quest’anno. La navetta potrebbe partire sin da subito, dato che già la primavera è arrivata e sono alle porte i lunghi week end festivi che preludono alla stagione estiva: il servizio potrebbe poi restare in funzione fino ad ottobre e riprendere durante il periodo natalizio. Questa è almeno l’idea dell’Amministrazione, sempre che si trovi qualcuno disponibile a concretizzarla.

Il termine per la presentazione delle proposte da parte delle ditte scadrà il 28 marzo alle ore 12 (il plico con la documentazione dovrà essere consegnato al responsabile del VII settore, presso il Palazzo della Cultura): l’affidamento avverrà dopo aver valutato e comparato le offerte, qualora dovesse essercene più di una.

Le indicazioni dell’avviso tuttavia sono già piuttosto precise: il trenino dovrà essere su gomme, non dovrà superare la lunghezza massima di 13,5 metri, dovrà essere composto da una locomotiva e massimo due carrozze. Il servizio dovrà essere effettuato dalle 9.30 alle 24, sette giorni su sette nel periodo di alta stagione e in modalità ridotta da concordare con l’Amministrazione nei periodi di bassa stagione. Il ticket per la corsa non dovrà superare la somma di 5 euro per gli adulti e di due 2 euro per i bambini dai 4 agli 8 anni, mentre dovrà essere gratuito per i più piccoli. Il percorso dovrà andare da Modica Bassa a Modica Alta e precisamente da viale Medaglie d’Oro a corso Nino Barone, attraversando corso Umberto, corso San Giorgio, corso Vittorio Emanuele, viale Manzoni fino a Piazza del Gesù, corso Francesco Crispi e ritorno.

Naturalmente l’affidatario del servizio dovrà essere munito delle regolari autorizzazioni da parte dell’ufficio periferico dell’assessorato regionale ai Trasporti.