“La cultura della legalità”: in Caserma la scuola Puglisi di Acate

8
cultura della legalità vittoria

Ancora una visita presso la sede della Compagnia Carabinieri di Vittoria da parte degli alunni dell’Istituto Comprensivo “Cap. Puglisi” di Acate nell’ambito del progetto “Cultura della legalità” riproposto anche quest’anno per tutti gli istituti scolastici della giurisdizione, che va ad unirsi ai vari incontri tenuti dai rappresentanti dell’Arma locale negli istituti. I ragazzi in visita oggi sono i creatori del “Calendario della legalità”, dedicato dalla scuola all’Arma dei Carabinieri in occasione del Bicentenario del corpo che ricorre quest’anno.
Questa mattina, per oltre un’ora, 40 alunni delle 5^ elementari accompagnati dall’insegnante Immacolata Licitra e Emanuele Mannile hanno fatto visita al Comando di Via Garibaldi ove ad accoglierli hanno trovato il Comandante della Compagnia di Vittoria Capitano Francesco SORICELLI, il Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile Tenente Luca ARMAO ed il responsabile del progetto Maresciallo Capo Salvatore INCARBONE, i quali hanno illustrato preliminarmente i compiti dell’Arma dei Carabinieri e nello specifico le funzioni connesse al delicato ruolo di operatore sociale svolto nella quotidianità dal “Carabiniere”. Successivamente i ragazzi hanno visitato i vari reparti insistenti nella Compagnia, accompagnati dai rispettivi Comandanti, i quali hanno illustrato loro:
– le importanti funzioni di ricezione del pubblico svolta dalla Stazione Carabinieri sempre aperta 24 su 24 per le far fronte alle esigenze dei cittadini;
– il funzionamento del sistema di pronto intervento 112 svolto in modo integrato dagli operatori della Centrale Operativa e dalle pattuglie del Nucleo Radiomobile per intervenire e risolvere tempestivamente le emergenza sul territorio, mostrando loro anche gli automezzi e le motociclette in dotazione al Reparto;
– gli strumenti a disposizione degli specialisti del Nucleo Operativo della Compagnia, addetti anche ai rilievi scientifici per i reati più efferati.
Infine, per lasciare un ricordo di quest’ora passata presso la caserma dei Carabinieri, ai ragazzi è stato donato un piccolo gadget istituzionale.