Guidare a Modica è un dramma? I percorsi migliori da condividere

12

Molti modicani (e non solo) che in questi giorni si sono ritrovati prigionieri del nuovo piano del traffico e vittime della chiusura del Ponte Guerrieri, hanno istintivamente utilizzato i social network – principalmente Twitter e Facebook – per condividere foto, segnalazioni, suggerimenti: un modo per “denunciare” il loro disagio che si è trasformato immediatamente in un modo per aiutare gli altri automobilisti a evitare i percorsi peggiori e scegliere, laddove possibile, i migliori.

Ma non tutti sanno che esiste un’applicazione social dedicata esclusivamente a questo: si chiama “Waze” ed è un network di map editing pensato appositamente per ottenere indicazioni stradali utilizzando le informazioni fornite dagli altri utenti che la utilizzano (una vera e propria forma di crowdsourcing).

Waze esiste dal 2008 ed è stata fondata in Israele, poi è stata acquisita da Google che vuole integrare le sue funzionalità in Google Maps. Grazie alla condivisione delle informazioni da parte degli automobilisti, Waze capisce l’andamento del traffico, la presenza di rallentamenti e di altri imprevisti sulle strade e elle aree dove ha numerosi utenti si rivela molto accurato.

Diventare un “wazer” vuol dire entrare a far parte della più grande comunità di guidatori del mondo, aiutando gli altri e al contempo ricevendo aiuto per evitare code e risparmiare tempo e benzina.
Tenendo “Waze” acceso è possibile condividere in tempo reale una notevole quantità di informazioni sul traffico e su cosa sta succedendo sulle strade da cui si sta passando.

Noi abbiamo provato per voi “Waze” a Modica e vi diamo qualche idea.

1
Via Vittorio Veneto
2
Via Stazione

 

 

 

 

 

 

 

Innanzitutto è possibile condividere informazioni sulla situazione del traffico, come noi abbiamo fatto nel punto che è risultato più critico, scegliendo l’opzione “in coda”:

Si può segnalare che in un certo punto si è fermi in coda, lasciando anche una nota...
Si può aggiungere una nota…
...e allegando una foto.
…e allegando una foto.

 

 

 

 

 

 

 

È possibile condividere informazioni sulla chiusura improvvisa di alcune strade e noi lo abbiamo fatto proprio con il Ponte Guerrieri:

A Waze era giunta la segnalazione di una criticità, ma non che il Ponte fosse chiuso.
A Waze era giunta la segnalazione di una criticità, ma non che il Ponte fosse chiuso.
7
Noi abbiamo scelto l’opzione “chiusura” dai report suggeriti…

 

 

 

 

 

 

 

…abbiamo scattato una foto per rendere chiaro lo stato dei luoghi…
…e così Waze ha registrato la chiusura a beneficio degli altri.

 

 

 

 

 

 

 

 

Waze ha anche una funzione “chat” attivabile tra utenti che si trovano nella stessa zona:

Basta scrivere un messaggio sulla map chat...
Basta scrivere un messaggio sulla map chat…
...e Waze lo salverà in quel punto della mappa.
…e Waze lo salverà in quel punto della mappa.

 

 

 

 

 

 

 

Oltre ai propri “amici”, Waze segnala la presenza di altri automobilisti, utenti di Waze, che si trovano nei paraggi e ai quali è possibile chiedere informazioni:

Sulla strada compaiono gli altri utenti...
Sulla strada compaiono gli altri utenti…
...ed è possibile contattarli per chiedere informazioni.
…ed è possibile contattarli per chiedere informazioni.

 

 

 

 

 

 

 

E infine, con i propri amici, è possibile condividere la propria posizione o il proprio percorso, attivando un “live” nel contesto del quale scambiare le informazioni più velocemente:

Basta inviare un link per condividere la propria posizione...
Basta inviare un link per condividere la propria posizione…
E basta collegare Waze a Facebook per trovare subito i propri amici.
E basta collegare Waze a Facebook per trovare subito i propri amici.

 

 

 

 

 

 

 

Come vedete, purtroppo non abbiamo incontrato molti utenti: speriamo con questo piccolo esempio, di avervi dato un suggerimento utile per sopravvivere nei prossimi tre mesi (e non solo).

Ecco una piccola guida video in italiano a Waze:

[youtube]http://youtu.be/8PmBMtZxiAc[/youtube]