La Giunta di Ispica ha un nuovo assessore: Teresa Amendolagine

15

Dopo le dimissioni di Mary Ignaccolo, il sindaco Rustico ha scelto di nominare come nuovo assessore comunale Maria Luigia Amendolagine, da tutti chiamata Teresa, suo terzo nome.
Mettendo in piedi un piccolo rimpasto, le sono state attribuite le deleghe al Bilancio, alle Politiche per l’Educazione, allo Sviluppo Economico, alla Protezione civile, al Turismo, allo Sport, al Personale e alla Sanità; fra le materie di competenza del proprio assessorato, oltre a bilancio, programmazione economica, tributi ed economato, anche scuola, politiche culturali, biblioteca e beni culturali, agricoltura, artigianato, commercio e sportello unico attività produttive, pianificazione di protezione civile e volontariato, turismo, promozione del territorio e bandiera blu, valorizzazione e sostegno alle attività sportive, rapporti con il personale.

Questo il comunicato del Comune di Ispica:

Dopo il momento dedicato alla nomina, il neoassessore Teresa Amendolagine ha prestato il giuramento di rito ripetendo la formula “Giuro di adempiere le mie funzioni con scrupolo e coscienza nell’interesse del Comune, in armonia agli interessi della Repubblica e della Regione”, che l’ha immessa nelle funzioni.
Presente la Giunta Municipale al completo, il Primo Cittadino ha presentato agli stessi assessori Cesare Pellegrino, Patrizia Lorefice e Paolo Mozzicato il nuovo assetto susseguente alla rimodulazione delle deleghe. In virtù della riorganizzazione delle competenze assessoriali, infatti, all’assessore Patrizia Lorefice è stata attribuita la delega alle Politiche Sociali, comprendente servizi sociali, politiche per la famiglia, politiche giovanili, politiche per la terza età, immigrazione, solidarietà e pari opportunità. Il vice sindaco Cesare Pellegrino e l’assessore Paolo Mozzicato hanno mantenuto rispettivamente le deleghe a Ecologia e Ambiente e a Lavori pubblici e Urbanistica.
Congratulandosi con il neo assessore, il sindaco Piero Rustico ha dichiarato: “La personale stima che nutro da sempre nei confronti di Teresa Amendolagine, notevolmente accresciuta dal suo impegno in occasione delle celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia, nella funzione di segretaria della Commissione di gestione della Biblioteca comunale e in tutte le circostanze in cui il suo ruolo di responsabile della sede in cui insegna hanno richiesto una collaborazione tra la scuola e l’Ente comunale, mi rendono certo della determinazione e della competenza con cui saprà affrontare questa nuova sfida, nella consapevolezza del momento di grande disagio politico che la nostra città sta vivendo. Auguro al nuovo assessore di poter svolgere con la serietà e lo spirito di abnegazione che la contraddistinguono il nuovo incarico cui oggi viene chiamata, nella certezza che il suo impegno sarà foriero di importanti realizzazioni per la nostra comunità cittadina”.

Nella sua prima dichiarazione nel ruolo di assessore, Teresa Amendolagine ha affermato: “Accolgo questo incarico dopo giorni di intensa riflessione personale e familiare inevitabile per la rilevanza dell’impegno che sono stata invitata ad assumere. La mia esperienza maturata nel corso degli anni con la mia professione e nel ruolo di collaboratrice dei dirigenti che di volta in volta mi hanno nominata nelle scuole ove ho prestato servizio e in quella in cui attualmente insegno, di sicuro mi ha consentito di acquisire competenze nell’ambito della gestione di un impegno di responsabilità e della capacità di rapportarmi a vari livelli. Il periodo di difficoltà che coinvolge la nostra città, che inevitabilmente riflette il più grande disagio della società a livello internazionale, diventa per me motivazione in più a non voltare le spalle ad una richiesta di collaborazione perché ritengo sia un dovere come cittadino adulto che non può non pensare alle generazioni future alle quali abbiamo il compito di dare delle risposte concrete. Il mio senso di responsabilità mi sarà alleato nell’impegno che sto appena intraprendendo, come lo sarà la stima che nutro nei confronti del Sindaco, dell’Amministrazione e del Presidente del Consiglio comunale, persone delle quali apprezzo la correttezza nel ruolo che rivestono. L’auspicio mio personale è che la consapevolezza del momento di difficoltà che stiamo tutti quanti vivendo diventi il motore che possa dare un impulso diverso alla nostra società”.