I volti nuovi della Sanità nel Sud Est. E a Ragusa ecco Aricò

50
Maurizio Aricò
Maurizio Aricò (a destra) mette fine al periodo commissariale all'ASP 7, iniziato con Angelo Aliquò e proseguito con il direttore sanitario Vito Amato

Primo giorno da manager, stamani per il ragusano Salvatore Brugaletta, incaricato di guidare l’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa.
Il neo direttore generale ha 57 anni e negli ultimi dieci è stato direttore del Distretto sanitario all’interno dell’Asp 7 di Ragusa.
Tra le priorità già inserite nell’agenda del nuovo manager, certamente l’impegno a proseguire nei processi di miglioramento e di riforma dei servizi sanitari, già avviati, lavorando in stretta sinergia con tutto il team sanitario dell’azienda sanitaria aretusea.

Il ragusano Salvatore Brugaletta guiderà l’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa
Il ragusano Salvatore Brugaletta guiderà l’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa

E intanto domani mattina il neo manager dell’Azienda Sanitaria provinciale di Ragusa, Maurizio Aricò, ha indetto un incontro con gli organi di informazione proprio per presentarsi. Aricò mette fine al periodo commissariale, iniziato con Angelo Aliquò e proseguito con il direttore sanitario Vito Amato, che ha svolto, negli ultimi mesi, anche il ruolo di direttore generale facente funzioni.
Per il 59enne, pavese, e attuale Direttore del dipartimento di oncoematologia pediatrica dell’azienda ospedaliera – universitaria Meyer di Firenze, è un ritorno sull’Isola. Professionista tra i più stimati, anche dal punto di vista umano, era tornato nel settembre del 2001 nella sua Palermo, da dove era partito giovanissimo dopo essersi laureato, per formarsi negli Stati Uniti e continuare la carriera al San Matteo di Pavia. Nel 2008, il luminare delle leucemie aveva di nuovo lasciato Palermo proprio per Firenze. Ora, il Governatore Crocetta lo ha richiamato in Sicilia affidandogli l’azienda sanitaria di Ragusa.

TUTTI I NUOVI VOLTI DELLA SANITÀ SICILIANA
Ecco di seguito i nuovi 15 direttori generali che “governeranno” per i prossimi anni la Sanità siciliana. Dove, dopo oltre un anno e mezzo di commissariamento, inizia di fatto una nuova era. Le nomine sono a firma della Giunta Crocetta, dopo avere superato anche lo scoglio della Commissione Affari Istituzionali dell’Ars.

ASP AGRIGENTO: Si insedia Salvatore Lucio Ficarra, 50 anni, laureato in giurisprudenza, negli scorsi anni è stato direttore amministrativo in diverse unità territoriali sparse per la Sicilia.

ASP CALTANISSETTA: Nuovo direttore generale è una donna. Si tratta di Ida Grossi, attualmente direttore sanitario in una Asl di Genova.

ASP MESSINA: Gaetano Sirna, 61 anni di Taormina. Laureato in Medicina e chirurgia all’Università di Catania e specializzato in Medicina preventiva e in Chirurgia dell’apparato digerente.

ASP PALERMO: Nell’azienda sanitaria più grande dell’Isola non cambia nulla. Infatti, l’attuale commissario straordinario Antonino Candela, palermitano, 48 anni, è stato promosso sul campo dal presidente Crocetta nuovo direttore generale.

ASP RAGUSA: nuovo direttore generale è Maurizio Aricò, nato aPavia, 59 anni, è stato direttore del Dipartimento di Oncoematologia pediatrica all’ospedale Meyer di Firenze, anche se alcuni anni fa ha diretto anche l’Oncoematologia pediatrica dell’ospedale “Di Cristina” di Palermo.

ASP SIRACUSA: nuovo manager Salvatore Brugaletta, 57 anni di Ragusa. Per dieci anni, fino al 2013, ha diretto, tra l’altro il distretto sanitario di Ragusa.

ASP TRAPANI: Non cambia nulla. Confermato alla guida l’attuale commissario straordinario Fabrizio De Nicola. Avvocato, ex commissario straordinario dell’Asp di Trapani ed ex dirigente dell’Ircac.

AZIENDA OSPEDALIERA “CANNIZZARO”” DI CATANIA: Al posto del commissario straordinario Salvatore Paolo Cantaro, è stato nominato direttore generale Angelo Pellicanò, dal 2012 ad oggi commissario straordinario, ma dell’ospedale Garibaldi, del quale dal 2009 al 2012 è stato anche direttore generale.

AZIENDA ARNAS “GARIBALDI” DI CATANIA: Al commissario straordinario Angelo Pellicanò subentrerà Giorgio Santonocito.