Mondiali 2014: ai quarti sarà sfida Europa-Sud America

3

Sempre più nel cuore della sfida mondiale: la Coppa del Mondo di calcio 2014 in corso in Brasile è alla fase dei quarti di finale (con otto squadre impegnate).
Le partite si giocheranno venerdì 4 e sabato 5 luglio. Così come negli ottavi di finale, le partite sono tutte a eliminazione diretta: chi vince va avanti, chi perde va a casa. Come nel turno precedente, in caso di pareggio dopo i tempi regolamentari si giocheranno due tempi supplementari da 15 minuti; in caso di ulteriore pareggio si andrà ai calci di rigore.

Questo il quadro dei quarti di finale al mondiale di calcio in Brasile (orari italiani).

  • Brasile-Colombia: venerdì 4 luglio, a Fortaleza (22.00);
  • Francia-Germania: venerdì 4 luglio, a Rio De Janeiro (18.00);
  • Olanda-Costarica: sabato 5 luglio, a Salvador (22.00);
  • Argentina-Belgio: sabato 5 luglio, a Brasilia (18.00).

E come si legge, è una sfida tra quattro  europee e quattro sudamericane: sono tutte le otto vincitrici dei rispettivi gironi di qualificazione. Quarti di finale dei Mondiali in perfetta parità tra Vecchio Continente e Sudamerica dopo il passaggio del turno da parte della Francia (che si è sbarazzata della Nigeria) e del Belgio che nell’ultimo ottavo di finale del torneo ha piegato i promettenti Stati Uniti solo dopo i tempi supplementari (è il quinto ottavo di finale che va all’overtime: è la seconda volta che succede ai Mondiali, eguagliato il record di Francia 1938) unendosi alle già qualificate Olanda, Germania e Francia.

Quarti di finale che promettono ancora spettacolo dopo il record di gol raggiunto: a 10 partite dalla fine, ai Mondiali di calcio del Brasile sono già stati segnati 154 gol, nove in più rispetto a Sudafrica 2010, chiusosi a quota 145.

quarti_finalemondiali2014

Tra le Nazionali dell’America del Sud, oltre alle supercorazzate Brasile e Argentina, ecco la sorpresa Costarica e la Colombia che, a venti anni dalla morte di Andres Escobar, ricorda nel migliore dei modi il difensore del Nacional di Medellín e della Nazionale colombiana ucciso a causa di un’autorete da lui realizzata contro gli Usa durante il campionato del mondo del 1994.

Anche questa volta l’Africa ha lasciato la solita buona impressione, ma non è riuscita ad andare oltre gli ottavi di finale con Nigeria e Algeria eliminate rispettivamente dalla Francia e dalla Germania. L’Algeria, in particolare, nel ricordo della beffa dei Mondiali in Spagna dell’82 ha messo alle corde i tedeschi che sono riusciti a spuntarla solo dopo i tempi supplementari.
Overtime da cui sono dovute passare oltre alla Germania, anche il Brasile (passato solo ai rigori contro il Cile), il Costarica (avanti sempre ai rigori contro la Grecia), l’Argentina salvata dal gol di Di Maria al 118′ e il Belgio.