Modica e Siracusa “amiche” grazie agli assessori allo sport

1

Risanare e rendere sportivamente conciliabili i rapporti tra le tifoserie del Modica e del Siracusa.

Questo è l’impegno reciproco assunto ieri al “De Simone” prima della gara di calcio Siracusa- Modica, gara interdetta alla tifoseria modicana, per fatti ormai noti alla cronaca, per decisione del Prefetto di Siracusa, dalle due amministrazioni comunali rappresentate dagli assessori allo sport del comune di Siracusa, Maria Grazia Cavarra e da quello del comune di Modica, Rita Floridia, presente ieri pomeriggio allo stadio, invitata dalla collega siracusana, per seguire l’incontro.

Il primo passo ufficiale tra le due Amministrazioni  tende a concretizzare un tavolo tecnico dove possano colloquiare le due Prefetture, le due società ed i rappresentanti delle due tifoserie.

Ieri al “De Simone” i due assessori allo Sport prima della gara, a centrocampo, si sono dati un’amichevole stretta di mano e scambiate due pubblicazioni a suggellare l’impegno reciproco.

“Ho molto apprezzato la sensibilità e il senso di ospitalità della collega Cavarra – dichiara l’assessore Rita Floridia – con la quale ci siamo posti un obiettivo comune, ovvero quello di riappacificare le due tifoserie e di averle entrambe presenti in occasione della gara di ritorno a Modica l’ 11 gennaio del prossimo anno. In queste settimane faremo un lavoro sinergico al fine di creare questo tavolo e concretizzare un’aspirazione delle tifoserie ad assistere civilmente e in pace al derby”.

Le ostilità risalgono al 2008 quando, al termine di un Modica – Siracusa, tre tifosi aretusei in trasferta aggredirono un giovane modicano lungo la strada del Polocommerciale. Il giovane, che fu ricoverato diversi giorni in ospedale, si trovava a passare in quel momento e non c’era neanche stato allo stadio. Da allora le Prefetture vietano regolarmente le trasferte alle due tifoserie.