Gli orologi di Modica segnano tutti un orario diverso. E nessuno è esatto

58
L'orologio della Chiesa di San Giovanni (foto scattata alle 9.50)

Se siete a Modica e volete sapere che ora è, vi sconsigliamo di volgere lo sguardo in alto, alla ricerca di aiuto nelle lancette di un qualunque orologio cittadino.

Se si volesse, infatti, prendere la precisione di questi orologi a simbolo del funzionamento delle cose della città, a cominciare da quelle della macchina amministrativa, il risultato sarebbe impietoso: a Modica non funziona nulla, si potrebbe dire, se è vero com’è vero che gli orologi segnano tutti orari diversi e nessuno quello giusto.

Già diverse settimane fa l’orologio del Castello, che non solo è quello, per ovvie ragioni di visibilità, “consultato” più di frequente, ma è anche il simbolo della città, si era fermato per l’ennesima volta, suscitando la denuncia di alcuni cittadini: il sindaco Abbate si era giustificato dicendo che non era stato possibile raggiungere la torretta perché “la struttura è soggetta a un cantiere di lavoro e la ditta al momento non consente l’accesso per questioni di sicurezza”.
Ma la verità è che i lavori al Castello sono fermi da tempo e il momento di poterlo rivedere aperto sembra ancora lontano.

Forse si farà prima a veder funzionare l’Orologio, dato che finalmente nei giorni scorsi è stata perfezionata e pubblicata la determina definitiva di affidamento del servizio di manutenzione e regolazione degli orologi comunali, a cominciare appunto da quello del Castello, alla ditta Cannarella Davide.

Da qui a breve non ci saranno più scuse, insomma. L’affidamento a Davide Cannarella, che ha ereditato dal padre Sergio non solo l’attività di famiglia ma soprattutto la perizia nella manutenzione degli orologi meccanici a torre, riguarda anche l’orologio del Duomo di San Giorgio, quello delle Chiese di San Giovanni e Santa Teresa, quello di Palazzo San Domenico, quello del Teatro Garibaldi e quello (in verità un po’ meno storico) della delegazione di Frigintini.

La somma impegnata nel bilancio comunale, alla luce dei preventivi forniti dalla ditta, è di 8.784 euro, che verrà pagata dal Comune in rate trimestrali: la durata, al momento, è limitata a un anno.