La Sicilia torna araba, un’Isola interrotta. Ma sui voli Catania-Palermo il Sud Est tace

1

Durante il periodo della dominazione araba, la Sicilia era divisa in Sicilia ultra Salsum e Sicilia citra salsum. Il fiume Salso infatti, era considerato la linea di demarcazione.
Oggi, a causa del cedimento di un pilone della A19, torna questa divisione che inciderà in maniera non indifferente su tutta la viabilità dell’Isola per almeno cinque mesi.

Ora, da parte della società di gestione dell’aeroporto di Palermo (GESAP), si avanza la proposta di effettuare dei voli che congiungano facilmente il capoluogo regionale con Catania.
E la proposta potrebbe anche andare in porto, perché Alitalia e Ryanair hanno dato la loro disponibilità, secondo quanto si legge sui quotidiani.

Adesso, ci si comincia a chiedere se non sia utile e opportuno, anche un volo che parta da e per Comiso, alla volta di Palermo. L’indotto del Sud Est siciliano, non è piccolo e non è nemmeno secondo a nessuno, per quanto riguarda l’imprenditoria che si sposta da una punta all’altra dell’Isola.

La proposta di attivare, per il momento in via eccezionale, la tratta Comiso/Palermo e viceversa, è partita dal gruppo FlyComiso, ormai famoso per i frequentatori di Facebook, che sta raccogliendo consensi e opinioni positive sull’idea.
Un’altra sfida, secondo molti, alla quale tutto il territorio non può sottrarsi. La domanda è: chi dovrebbe richiedere fortemente questa tratta?