Razzia di cavi elettrici in contrada Fegotto. Due rumeni arrestati con cento chili di rame

0
Furto di cavi di rame, due arresti

Raffica di perquisizioni nel territorio della giurisdizione della Compagnia di Vittoria, e in particolare nel territorio di Chiaramonte Gulfi, eseguite nel corso della nottata, finalizzate a contrastare i furti di rame che, oltre ad arrecare un grave danno alle società elettriche, comportano notevoli disagi per i cittadini in caso di interruzione di un servizio di pubblica utilità di così grande importanza. Numerose pattuglie impiegate con un dispositivo di oltre 20 militari ha consentito di trarre in arresto due giovani pregiudicati rumeni.

L’attività, frutto di appositi servizi di osservazione e pedinamento per studiarne i movimenti e le abitudini di vita e protrattisi per svariati giorni, nell’ambito dei servizi predisposti dal Comandante provinciale dell’Arma, ha permesso di cogliere in flagranza i due giovani mentre stavano rubando, all’interno della stazione elettrica di contrada Fegotto, cavi elettrici dell’alta tensione per una lunghezza totale di circa 100 metri e dal peso complessivo di oltre 100 kg di rame.

I due, dopo un breve inseguimento, sono stati bloccati dai militari e arrestati. Ora si trovano in carcere dovranno rispondere di danneggiamento e furto aggravato in concorso.

I cavi sono già stati restituiti a un rappresentante della società.

Ora, al vaglio degli investigatori, che stanno proseguendo le indagini, la posizione dei pregiudicati, per accertare l’eventuale complicità di altri criminali, e il canale di ricettazione del metallo trafugato.