Addio a Peppe Borgese. I funerali alle 16, nella chiesa di San Biagio

29
Addio a Peppe Borgese

Saranno celebrati questo pomeriggio, alle 16, nella chiesa del Patrono San Biagio, i funerali di Peppe Borgese, lo storico allenatore del Comiso, stroncato domenica pomeriggio da un infarto.

Borgese era insegnante di educazione fisica e allenatore. Aveva guidato diverse squadre, anche se il suo cuore, quello che domenica gli ha giocato un brutto scherzo, batteva per i colori verderarancio.

Era stato anche calciatore, con una buona carriera da attaccante.

Il cordoglio si è diffuso in città, ma anche sui social network dove decine e decine di persone hanno lasciato un ricordo, una parola commossa di riconoscenza e affetto.

Lo ricordiamo con le parole, commosse e appassionate, della collega giornalista Laura Incremona

Poche parole, si, poche parole servono per parlare di Peppe Borgese. “E’ una persona per bene”. Solo questo ho sentito nell’arco di quarant’anni, da quando cioè conosco Peppe. È sempre molto difficile scrivere un articolo su una persona cara che se ne va. Peppe non era solo conosciuto come grande sportivo, calciatore e Mister. Peppe Borgese era innanzitutto un amico. Una grande amico di tantissime persone, me compresa. È stato giovane assieme a me e a tanti altri che oggi restano ancora attoniti per la notizia. Passavamo lunghi pomeriggi seduti sul “suo” muretto della villa, luogo di ritrovo di migliaia di ragazzi e di tante generazioni passate. Si rideva, si scherzava e, spesso, si progettava il futuro. Ancora più spesso si parlava della sua amata Inter. Siamo cresciuti assieme anche se era più grande di qualche anno, ha cresciuto i nostri figli allenandoli al calcio, abbiamo visto crescere i suoi figli assieme ai nostri. Trascorreva i pomeriggi estivi in bicicletta, su e giù per tutto il litorale ibleo e davanti a casa mia diceva sempre la stessa cosa: “Fattele due pedalate che male non te ne fanno”. Che dire ancora? Oggi c’è tanto stupore e dolore a Comiso, in una comunità che ha voluto davvero bene a Peppe e alla quale lui ha dato tanto con il suo esempio di vita, come uomo, come sportivo, come padre di famiglia.